Giovedì 17 Maggio 2018, 00:00

«Così al Puskin svelo l'anima della pietra»

«Così al Puskin svelo  l'anima della pietra»
L'INTERVISTALe mani di Fabrizio Plessi si muovono nell'aria. Danno il senso dell'entusiasmo e della nuova avventura che si prepara. Le dita fendono l'aria, l'acchiappano e la liberano. I grandi finestroni del suo studio nello storico edificio dell'ex Birreria Dreher alla Giudecca fanno penetrare un luce ficcante che illumina gli oggetti dell'artista: le sedie, i libri, iL tavolo di lavoro, le migliaia di pennarelli ognuno di un colore diverso. Qui si crea. E l'atmosfera lo rende palpabile. Plessi si sta preparando per un appuntamento...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Così al Puskin svelo l'anima della pietra»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER