Venerdì 11 Gennaio 2019, 00:00

Estorsioni croate «Gaiatto non fece il segno della croce»

IL RICORSOTRIESTE Le misure cautelari per le estorsioni croate agli ex collaboratori della Venice Investment Group sono otto, ma soltanto due sono le posizioni su cui è chiamato a esprimersi il Tribunale del Riesame di Trieste. Alcuni indagati ieri hanno rinunciato al ricorso. Soltanto le difese del portogruarese Fabio Gaiatto, 43 anni, e di Francesco Salvatore Paolo Iozzino (56) di Resana (Treviso) hanno discusso contestando la sussistenza dei gravi indizi, chiedendo l'esclusione dell'aggravante del metodo mafioso e lamentando delle...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Estorsioni croate «Gaiatto non fece il segno della croce»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER