Domenica 13 Agosto 2017, 00:00

«Ha raccontato gli ultimi trasformandoli in eroi epici»

«Ha raccontato gli ultimi  trasformandoli in eroi epici»
Quando ci lascia uno scrittore come Gian Antonio Cibotto, l'unico modo di ricordarlo davvero è quello di andarsi a rileggere i libri che ha scritto. I romanzi come La coda del parroco, Scano Boa, La Vaca Mora. O quello straordinario pezzo di giornalismo, come ormai non se ne scrivono più, che è Cronache dell'alluvione. Nelle sue pagine affondano le radici della storia di chi vive in Polesine. Una lingua di terra magica e maledetta, un posto di confine, la parte meno conosciuta del Veneto. Campagna, fiume e - in fondo - il mare. Cibotto ha...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Ha raccontato gli ultimi trasformandoli in eroi epici»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER