​La città di Giulietta e Romeo censura lo stand pro-nozze gay

PER APPROFONDIRE: nozze gay, stand, verona
Romeo e Giulietta, frame dal film del 1968 di Franco Zeffirelli
VERONA - «Verona ha tradito la sua missione di città dell'amore». È bastato uno slogan ad effetto, #sposachivuoi, proposto in uno stand dagli organizzatori della manifestazione Verona Sposi in programma nel fine settimana all'ex Arsenale della città scaligera, per scatenare una polemica politica con accuse di discriminazioni nei confronti delle coppie gay da parte dell'opposizione in consiglio comunale e decise prese di posizione da parte di chi sostiene la famiglia tradizionale.

Nel mirino la decisione dell'amministrazione comunale di centrodestra di invitare - su sollecitazione del movimento Popolo della famiglia - gli organizzatori della rassegna veronese a rimuovere in uno stand immagini e slogan allusivi al same sex wedding, condensati nell'hashtag #sposachivuoi. Il capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale, Vito Comencini, ha commentato favorevolmente le critiche che erano state avanzate in precedenza dall'assessore alla trasparenza, Edi Maria Neri. «Le trovate di marketing non possono affossare i valori - ha sottolineato l'esponente del Carroccio -. Bene ha fatto l'assessore Neri a frenare l'allestimento di stand palesemente contrari alla famiglia tradizionale, che rischiava di trasformarsi in propaganda relativista a favore di altre unioni che nulla c'entrano con la famiglia composta da mamma e papà»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 5 Febbraio 2018, 08:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​La città di Giulietta e Romeo censura lo stand pro-nozze gay
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-02-06 00:04:00
Fatto bene, erano Romeo e Giulietta, mica Romeo e Giulietto.
2018-02-05 19:02:27
Ben fatto...ma Putin avrebbe fatto meglio ancora (vedii gheipraid di Mosca,Soci,SanPietroburgo....chiedere al dignor luxuria....)
2018-02-05 18:38:49
Al di la' di quello che sono le ideologie rispettare simboli e tradizioni non significa essere bacchettoni. Verona da come mi e' stata mostrata sin da piccolo , e' la citta' di Romeo e Giulietta . Scegliere un'altra citta none' un dramma
2018-02-05 16:32:30
l'amore è universale, inoltre la cellula umana nasce senza sesso, quindi siamo tutti uguali indipendentemente da uomo e donna.... poi le differenze fra uomo e donna non sono così nette anzi, sono costituite da sfumature come nell'arcobaleno e la cultura occidentale ha invece perperato e insistito a diffondere un'idea sbagliata di netta distinzione fra uomo e donna, che invece di fatto non sussiste, fra l'altro questo è provato anche scientificamente ma le persone sono schiave di un concetto che non ha nulla a che vedere con l'attrazione fisica naturale reale e l'amore naturale che può esserci fra due persone dello stesso sesso... fra l'altro noi siamo stati progettati come esseri umani infiniti in grado di interfacciarci in molteplici modi con quello che ci circonda, indipendendentemente dal sesso !
2018-02-05 19:33:07
La differenza tra uomo e donna è chiara ed evidente partendo dal livello cromosomico. Cromosomi XX e cromosomi XY le dice niente? Da quanto ha scritto sicuramente no, allora si documenti.