Aborto, i consiglieri Pd: «Padovani
si dimetta». Lei: «Discorsi prematuri»

Aborto, i consiglieri Pd: «Padovani
si dimetta». Lei: «Discorsi prematuri»
VERONA - I consiglieri comunali del Partito Democratico di Verona sfiduciano la capogruppo Carla Padovani e ne chiedono le dimissioni per il suo appoggio all'approvazione dell'altra sera della mozione antiabortista sostenuta dalla Lega e dal sindaco di Verona.

Secondo i consiglieri Elisa La Paglia, Stefano Vallani, Federico Benini «la posizione di adesione alla mozione espressa dalla capogruppo è inaccettabile. Crediamo che la consigliera Padovani non sia più compatibile con il ruolo di capogruppo, pertanto ne chiediamo formalmente le dimissioni».

«La posizione di adesione alla mozione espressa dalla capogruppo è inaccettabile - aggiungono i tre consiglieri dem - perché tale mozione mistifica principi e risultati della legge 194, che ha svolto e svolge un ruolo fondamentale nell'emancipazione non solo della donna ma della società italiana intera. Tenta - osservano La Paglia, Vallani e Benini - in modo strumentale di colpevolizzare la figura della donna riconducendo la dolorosa scelta dell'aborto all'origine del processo di calo demografico del Paese; attacca gratuitamente la credibilità di presidi di salute fondamentali come consultori e ospedali; bolla come "uccisioni nascoste" lo scarto di embrioni in uso nelle tecniche di procreazione medicalmente assistita; strumentalizza la funzione di un consiglio comunale chiamato ad amministrare le risorse pubbliche e non a fare propaganda». 

LA REPLICA DELLA PADOVANI: NEL PD MOLTI CONDIVIDONO LA MIA OPINIONE
«La vita va difesa universalmente, non sto a guardare di che "colore" siano le mozioni che lo fanno. So che nel Pd ci sono molte persone che condividono la mia opinione». E' la replica della capogruppo Carla Padovani. «L'articolo 2 del codice etico del Pd - aggiunge - parla chiaro e prevede la libertà di coscienza. Quella che io ho applicato giovedì sera. Le mie dimissioni? Domanda prematura. Ho votato la mozione della Lega ma rimango anti-salviniana, sposo le posizioni del mio partito specie sull'accoglienza ai migranti».

IL SEGRETARIO DEL PD VENETO: ERA UNA TRAPPOLA
«Credo che la capogruppo Padovani sia caduta in una "trappola". Al di là dei valori etici che si possono difendere, doveva capire che impegnava tutto il gruppo Pd anche nella parte della mozione, quella contro la 194, che non era condivisibile dal partito». È la lettura che il segretario del Pd in Veneto, Alessandro Bisato, dà al voto favorevole di Carla Padovani alla mozione anti-abortista in Consiglio comunale a Verona. «I consiglieri hanno chiesto le sue dimissioni dal ruolo di capogruppo. Le dimissioni dal Pd - spiega Bisato - sono un'altra cosa. Dobbiamo fare con lei un chiarimento serio. Certo, c'è un'alzata di scudi decisa della comunità democratica, e bisogna tenerne conto. Ma provvedimenti coercitivi, forti, come le dimissioni, hanno livelli di garanzia, c'è una commissione, non si decidono d'impeto». «Se c'era una parte della mozione, non quella sulle associazioni, ma quella di premessa, non condivisibile - aggiunge Bisato - da capogruppo doveva segnalarlo, con una contro-mozione, degli emendamenti, o astenendosi dal voto». «Questo riguarda la forma. Nella sostanza - conclude - per il Pd non può passare il messaggio che si vuole distruggere dopo 40 anni una legge come la 194 che ha evitato migliaia di aborti clandestini».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 6 Ottobre 2018, 14:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Aborto, i consiglieri Pd: «Padovani
si dimetta». Lei: «Discorsi prematuri»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-10-08 15:21:44
PD & compagni non tollerano che accanto all’aborto si prevedano iniziative miranti ad evitarlo, per esempio fornendo sostegno a chi preferirebbe NON abortire. Iniziative del resto previste anche dalla stessa 194, ma chissà perché rimaste lettera morta. L’aborto è e deve restare l’extrema ratio.
2018-10-07 01:41:57
Sono gli stessi che (su tutt'altri argomenti...) rinfacciano alla maggioranza dei cattolici di non allinearsi con il Papa (anche se loro magari sono rimasti atei com'erano prima)
2018-10-07 00:35:50
Ecco cos'à il PD...E meno male che di definisce Partito Democratico! Quando una persona impiega il suo buon senso, per il PD diventa un personaggio scomodo e lo cacciano via.
2018-10-06 21:24:42
DDalla Costituzione Articolo 67 Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato. Per parlamento si intende ogni assemblea elettiva, anche un consiglio di quartiere, quindi ognuno eletto fa il cavolo che vuole. Io sono eletto in un consiglio assolutamente consultivo e quando sono entrato in contrasto con gli elettori averi voluto dimettermi ma...i capo dell'assemblea consultiva mi ha detto semplicemente che la mia nomina era legittima e non mi sarei dovuto dimettermi per "mancanza di mandato degli elettori". Io in questo caso sono per la vita sia di cristiani che degli animali e la scelta di questa signora è più che legittima alla faccia degli abortisti!
2018-10-06 20:31:31
... garnde esempio di democratica democrazia. quella cosa oscena che va sotto il nome di aborto è un fatto di coscienza prima che di politica.. il bello della vicenda che chi in genere sostiene questo genocidio è contrario alla caccia.. belal coerenza..