Fondo Usa interessato a Melegatti, ultima chance per evitare il fallimento

Fondo Usa interessato a Melegatti,  ultima chance contro il fallimento
VERONA - Ancora un'altra chance, forse l'ultima, per evitare il fallimento di Melegatti. L'azienda dolciaria veronese si affida ora ad un fondo americano, De Shaw & Co., che oggi al Tribunale di Verona ha presentato una manifestazione d'interesse per il salvataggio dello storica marchio dei pandori. Ieri era scaduto il termine per depositare la documentazione necessaria per la richiesta da parte della proprietà di Melegatti di concordato, che adesso potrebbe essere autorizzato dopo il via libera al piano industriale del fondo americano. In Tribunale, oltre ai rappresentanti di De Shaw & Co. (che ha base europea a Londra ed è specializzato nel risanamento di aziende in crisi), in Tribunale si è presentata anche la presidente e azionista di maggioranza di Melegatti, Emanuela Perazzoli, con gli advisor ed i suoi legali. Le speranze per i circa 70 dipendenti diretti di Melegatti (in cassa integrazione dallo scorso gennaio) sono condizionate alla disponibilità della proprietà di Melegatti e naturalmente all'approvazione del giudice. La situazione debitoria di Malegatti, fondata nel 1894, ha già visto defilarsi Hausbrandt, l'azienda di caffè che aveva presentato in Tribunale una manifestazione d'interesse.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Maggio 2018, 21:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fondo Usa interessato a Melegatti, ultima chance per evitare il fallimento
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-05-09 14:28:19
Grandi americani: si beccheranno qualche bel incentivo poi spolperanno quel che c'e' da spolpare e sputeranno le ossa che noi dovremo pagare per mandare in discarica.
2018-05-09 11:15:22
Keep calm and ci pensano Zaia e Fedriga.....intanto enricosecondo si sta facendo la scorta di pandori per tutta l'estate.....
2018-05-09 06:20:46
Cosi' esportiamo Pandori ed altro senza dazi. Pero' altre situazioni sono sfociate in una cooperativa autogestita..e tirano.Ci vorrebbe un ingegnere finanziario per sistemare le rogne pregresse.Chissa' come e' costituito 'sto fondo americano.