Verena, l'operatrice sotto sequestro: «Sì, mi sono sentita un ostaggio»

PER APPROFONDIRE: cona, coop, migranti, profughi, rivolta
Verena, l'operatrice sotto sequestro: «Sì, mi sono sentita un ostaggio»

di Monica Andolfatto

CONA - «Sarà l'autorità giudiziaria a stabilire se si sia trattato o meno di sequestro di persona. Per quello che vale, io comunque mi sono sentita presa in ostaggio, mi sono sentita prigioniera. E ho avuto paura. È vero che ci siamo chiusi dentro noi, quando abbiamo visto che le cose stavano mettendosi male, ma è altrettanto vero che poi non siamo stati liberi di uscire. Continuavano a battere sulle porte e sulle finestre con i bastoni per intimorirci e ci sono riusciti benissimo».
Verena è una delle referenti della cooperativa Edeco, che, insieme ad altre 22 persone, per lo più ragazze, lunedì sera, al culmine della rivolta seguita alla morte della 25enne ivoriana, Sandrine Bakayoko, si è asserragliata in uno dei locali adibiti a uffici all'interno del Centro di prima accoglienza per i richiedenti asilo di Conetta.
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 8 Gennaio 2017, 12:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Verena, l'operatrice sotto sequestro: «Sì, mi sono sentita un ostaggio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-01-08 13:36:06
... collaboratrice con l'invasore.. affari di politica interna..
2017-01-08 14:09:44
A questa gente nessun'altra assitenza.... alla volontaria che rivolga le sue attenzioni ai "nostri" bisognosi che sicuramente apprezzeranno con più rispetto.
2017-01-08 14:53:29
non provo nessun sentimento di vicinanza
2017-01-08 15:25:36
care volontarie, ci sono tante altre persone da aiutare e non rientrano nella categoria 'rifugiati'.
2017-01-08 15:29:39
Che cuccagna queste cooperative! Hanno trovata la gallina dalle uova d'oro!