Il "ponte dei Zogatoli" diventa realtà
Sì del Comune alla volontà popolare

PER APPROFONDIRE: comune, ponte dei zogatoli, venezia
Il ponte dei Zogatoli
VENEZIA - Il Comune dice sì: il ponte San Giovanni Crisostomo diventerà ponte dei Zogatoli. Sembra una cosa di poco conto, ma su questo tema c'è un interessamento di anni di interi gruppi di veneziani, i quali hanno chiesto che il ponte si chiamasse come è sempre stato chiamato dalla gente, almeno dalla seconda metà del XX secolo. L'assessore alla Toponomastica Paola Mar ha annunciato oggi che presto arriverà la delibera di giunta, visto che è arrivato il parere favorevole dalla Soprintendenza. A farsi carico della richiesta della trasformazione, la stessa Mar e il consigliere comunale Paolo Pellegrini.

“Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato l’assessore Mar – di aver portato a termine in pochi mesi un impegno che anche le precedenti amministrazioni avevano preso senza però, di fatto, arrivare mai ad una conclusione positiva per i veneziani". 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Febbraio 2018, 18:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il "ponte dei Zogatoli" diventa realtà
Sì del Comune alla volontà popolare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2018-02-25 16:00:31
Era ora. I veneziani prima di tutto. E la signora Mar si ricordi che stiamo ancora aspettando da anni annorum che tutti i nizioleti riportino la lingua veneziana e non l'italiano. E visto che ci siamo, ricordo ancora alla signora Mar che moltissimi nizioleti sono illeggibili e addirittura cancellati. Destinare un piccolissima parte dell'introito sulla tassa turistica per restaurarli.O vi costa troppa fatica?
2018-02-24 16:42:06
Pensa che grande fatica ha fatto il comune! Onestamente preferirei che si occupasse di più dei gravi problemi della città, tipo la corruzione e l'abusivismo edilizio.I vigili poi, adesso fanno i poliziotti invece dei vigili e si preoccupano degli spacciatori, di cui si possono ben occupare polizia, finanza e carabinieri, mentre l'illegalità commerciale e non solo a Venezia é sotto gli occhi di tutti! E comunque sarebbe tempo ed ora che si riprendesse mano in maniera organica alla toponomastica del comune dove vi sono nomi inverecondi presenti come, a titolo d'esempio, oltre al ben noto criminale Cialdini (massacri di Pontelandolfo e Casalduni)pure il Francesco Zanotto, il quale sperperati i soldi guadagnati con i suoi libri in vizi, pensò bene di stamparseli da solo...si prese 25 anni di carcere:il processo ve lo potete leggere su google libri, é un sollazzo!
2018-02-24 12:19:00
manco fosse la guerra in vietnam......i grandi obbiettivi dell'assesore mar...non c'è nenache più il negozio dei giocattoli come non c'è più il negozi di fotografia al loro posto le solite attivita che sfruttano venezia con paccotiglia e cibi veloci(ecco si potrebbe fare qualcosa in questo campo)senno' allora voglio che il ponte in salizzada san pantalon venga chiamato(come lo chiamano tutti i veneziani)ponte dee gome perchè tutti appiccicavano il cewingum sul muro ssopra al ponte .....ma pensa te....
2018-02-24 11:51:05
... l'unico che non lo sa è il ponte.. il quale continua a fregarsene alla grande e in cuor suo vorrebbe essere un muro..
2018-02-25 20:58:16
Da' l'impressione che Lei abbia parlato con il ponte , gia' che era li' due chiacchere in spagnolo col ponte di Calatrava ?