Mercoledì 11 Luglio 2018, 22:37

Malviventi e cafoni espulsi da Venezia: i 20 comportamenti non tollerati

PER APPROFONDIRE: degrado, turismo, venezia
Una turista distesa in riva al canal Grande

di Roberta Brunetti

VENEZIA - Fuori da Venezia chi usa droga o si prostituisce, ma anche chi si siede per terra, si bagna i piedi in canale, sbevazza fuori dai locali, organizza addio al nubilato-celibato eccessivi... É lunga la lista dei comportamenti che potranno essere puniti con il Daspo urbano. C’è anche questa novità nel regolamento di polizia e sicurezza urbana che oggi passerà in Giunta. Un strumento annunciato da tempo che allargherà, e di molto, il raggio d’intervento della Polizia municipale. Quasi una ventina i comportamenti che potranno far scattare l’allontamento.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Malviventi e cafoni espulsi da Venezia: i 20 comportamenti non tollerati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 47 commenti presenti
2018-07-13 09:10:27
Quando si esagera , come non bagnarsi i piedi non sedersi , si blocca la libertà delle persone , usate il buonsenso...
2018-07-13 09:06:44
Non capisco questo "personaggio" o giunta che ha messo queste regole : Ladri e cafoni maneschi , Venezia ne è piena e necessita di una ripulita , ma chi usa droga o si prostituisce, ma anche chi si siede per terra, si bagna i piedi in canale
2018-07-13 09:05:59
Si renda Venezia una città degna del suo nome. Lo vedete il turismo di massa cafone nel Principato di Monaco? Venezia è da meno? Si smetta di costruire alberghi in terraferma per ospitare turisti che cercano solo la camera al minor prezzo, e che poi inevitabilmente vengono a San Marco, in infradito e con bibite e panini per il picnic. Si faccia pagare un biglietto d'ingresso alla città ai gitanti pendolari, che non renda più conveniente dormire a Mestre o a Marghera, e le cose si sistemeranno da sole, senza bisogno di ricorrere a punizioni.
2018-07-13 08:52:54
se butti fuori da venezia chi si droga, dovrete chiudere mezzo comune di venezia, e serrare anche l'università. facciamo prima a obbligare tutta la popolazione a fare l'esame del sangue e del pelo una volta l'anno, e chi si droga, via da posti pubblici e via patenti e passaporti. secondo me è più coerente. chi non fa l'esame obbligatorio, via la patente e non si rinnova il passaporto. per me va bene, non ho nulla da temere, tutti all'assl come una volta a fare i libretti sanitari, possibile che oggi questo servizio non c'è più con tutte le malattie che avete importato dall'africa, oppure una volta lo facevano per mantenere posti di lavoro all'ussl??
2018-07-13 06:36:38
Potenza dei regolamenti: ad ogni cittadino viene fornito calendario raccolta differenziata piu' un opuscolo educativo normativo. Risultato: bidoncini umido abbandonanti in strada e mai portati in casa o pertinenze e lavati.Conferimento di soli sacchetti di rifiuti mescolati, errori nelle giornata dedicata adun solo tipo di rifiuto ..eppure non occorr eun alaurea..e solo sciatteria omancato apprendimento della lingua italiana scritta e letta e compresa e applicata. La sanzione e' la mancata raccolta con un applicatofoglio adesivo che spiega "Rifiuto non conforme"..Oppure contenitore non conforme o danneggiato( spesso asportati i contrassegni identificativi). li anarchici del coferimento staccano gli avvisi e li appiccicano a muretti, marciapiede , altri bidoni.Mai che ci sia un colto sul fatto.Minacciare e' semplice atto burocratico,l'avviso viene collocato in modo rassegnato dallo stesso addetto consapevle che e' inutile.Collocare telecamere o pagare addetto al controllo in orario serale , notturno, privo di divisa ricnoscibile a distanza, mission impossible. aVolte si vede attorno alle situazionidisdicevoli un drappello misto tr aoperai, addetti alcontrollo della ditta e VigiliUrbani. Il risultato non cambia e magari qualcuno guarda e se la ride.Persino un bar ammucchi ascatoloni di bottiglie vuot accanto ad una siepe, come se quella zona fosse sua pertinenza e non verde pubblico. Quando si telefona o si denuncia,si raccomandano tanto la collaborazione dei concittadini.Devono girare con la telecamerina occultata in visione notturna e buscarsi pure minacce o peggio ?Eppure l' invito ad agire e' quello.Finisce che ci si abitua ai sacchetti altrui con odori , pantegane e disordine Se poi le violazioni avvengono in citta'frequentata da torme di persone di passaggio...l'editto Veneziano fa solo mucchio con gli altri precedenti.