Se voti al referendum sull'autonomia vacanze o funerale con lo sconto

PER APPROFONDIRE: autonomia, funerale, sconto, vacanze, veneto
Iniziative tra le più disparate tra gli autonomisti

di Angela Pederiva

VENEZIA - Inutile dire che le ironie già si sprecano. E il ricorso a ferro o cornetti, per tacere del resto, è in pieno corso. Ma tant'è: il vicentino Samuel Guiotto, un impresario di onoranze che da sempre sostiene l'indipendenza ma intanto si accontenterebbe anche dell'autonomia, promette uno sconto del 10% ai partecipanti al referendum del 22 ottobre. Su quale prestazione? Va da sé, considerata la specialità della casa: «Servizio funebre completo». Della serie, vedi l'urna e poi muori (con tutta la scaramanzia del caso, beninteso).

L'INIZIATIVA
Nei giorni scorsi un'iniziativa simile era stata lanciata dall'indipendentista veneziano Roberto Agirmo, imprenditore del settore turistico: riduzione del 10%-20% a seconda del tipo di ferie prenotate. Ieri i due hanno deciso di lanciare un volantino congiunto, per pubblicizzare le rispettive promozioni: «Portaci il certificato di voto (vidimato) del referendum per l'autonomia del Veneto e...». I puntini di sospensione conducono ai ribassi promessi in cambio della prova di ingresso al seggio. «In ogni caso... buon viaggio», augurano i due imprenditori. Solo che quello prospettato da Agirmo allude ad una vacanza, mentre quello inteso da Guiotto porta dritto al cimitero...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Ottobre 2017, 08:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Se voti al referendum sull'autonomia vacanze o funerale con lo sconto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 110 commenti presenti
2017-10-16 08:43:32
LA corona di fiori però ve la dovete comprare...hahahahahahahahahahahahaahahahahaha....ciao.
2017-10-12 17:32:39
steyr 95 - voglio inanzzitutto ringraziarla per la sua domanda. Il mio no convinto nasce dalle seguenti considerazioni: - la lega non vuole l'autonomia come non vuole l'indipendenza, per il semplice motivo che, cavalcare i problemi porta voti risolverli no, idem anche i 5stelle, si urla solo per ammaliare il popolo - non hanno mai detto cosa vogliono fare eventualmente con l'autonomia, praticamente come veneto banca e popolare di vicenza, si chiede credito ai cittadini senza spiegare il progetto; e comandano in regione da 25 anni, no giorni ANNI - l'autonomia fin qui ricevuta a portato a disastri economici e sociali. Un'altra volta glielo posso rielencare - dei deboli non gliene può fregar di meno, veda solo a titolo di esempio il Signore di Fiesso che chiede l'eutanasia assistita, la situazione in generale della sanità veneta. Il gazzettino e non solo, è esaustivo in alcuni suoi articoli. - il referendum è assolutamente inutile, tanto e vero che si potrebbe svolgere al bar mettendo la crocetta su un tovagliolo e zaia, salvini & c. lo sanno - unico pseudo obiettivo per la lega sono i schei, su tutto il resto il nulla - solo per finire, tutto questa farsa costa milioni di euro, anche miei visto è considerato che sono Veneto. Voterei con un convintissimo SI, se la lega proponesse l'eliminazione delle regioni, fonte primaria del debito pubblico. Ma di questa richiesta non ho visto traccia, forse perché il poltronificio regionale è una mucca da mungere per i prossimi decenni. Non mi piacciono infine i politici piagnucolosi come i leghisti, senza dignità che scaricano le loro colpe e responsabilità su chi non c'entra nulla, se non si è capito mi piacciono le persone con le p...e, decisioniste e chi rendono responsabili per le loro scelte e mancanze. Mi fermo per non essere noioso.
2017-10-13 14:19:17
Condivido abbastanza la prima parte ma questa del referendum è l'unica ed ultima occasione per portare a casa qualcosa ( altre non ci saranno). Se fosse un flop, Roma ci darà ancora meno di quanto di dà adesso e ci snobberà per sempre. Non condivido per nulla invece l'eliminazione delle regioni. Per le provincie non avrei problemi ma eliminare le regioni, vuol dire anche eliminare la nostra identità veneta e diventeremmo tutti italiani indistintamente, cosa che non mi va per nulla. Veneto sono nato, da veneto vivo e da Veneto voglio morire.
2017-10-12 12:10:59
Il mio orientamento politico va dall'estrema destra all'estrema sinistra, cercando sempre l'agire di chi rispetta le persone più deboli, i malati, gli invalidi, i senza lavoro che vivono di stenti, chi è senza casa ecc., Italiani e non.
2017-10-12 15:12:09
Giusto ma non capisco il tuo No al referendum. Se Zaia , battendo i pugni e forte della volontà del popolo, riesce a portare a casa più competenze e più risorse monetarie, credo sia tutto a vantaggio anche dei più deboli.