Furiosa lite in casa, madre coraggio incastra la figlia: «Ecco la droga che le ho trovato»

Lite in casa, madre incastra la figlia: «Ecco la droga che le ho trovato»
SAN DONA' - I carabinieri intervengono  per una lite fra madre e figlia e la donna consegna loro la droga rinvenuta nella camera da letto della ragazza.

E’ successo nel pomeriggio di ieri, quando i militari di San Donà di Piave, sono arrivati all’interno di un’abitazione  scoprendo che il litigio era scaturito per il presunto uso di sostanze stupefacenti della 19enne. Dopo aver riportato la situazione alla calma ricevevano una bustina contenente  10 grammi di Ketamina, una potente sostanza stupefacente allucinogena. A quel punto entrambe le parti venivano condotte in caserma per gli accertamenti.

Nella sede di via Carbonera, con l’ausilio di una agente della Polizia Locale di San Donà, la ragazza veniva perquisita e trovata in possesso di altri  5 grammi di stupefacente. Entrambe le sostanze venivano sottoposte a sequestro e d’intesa col pm la 19enne veniva denunciata in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Dicembre 2018, 12:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Furiosa lite in casa, madre coraggio incastra la figlia: «Ecco la droga che le ho trovato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-12-19 13:07:34
Non ho figli, ma lo sono stato e lo sono tuttora. E un po' di queste cose ne capisco. Sarei stato contrario nell'avvertire le FFOO in caso si fosse trattato di sostanze para-legali o leggere, ma in un caso simile, giuro che se fossi genitore, avrei dei grossi problemi a gestire uso e spaccio di sostanze come quelle, in mano a mia figlia. Per cui che abbia fatto bene o male, si tratta di sostanza potenzialmente letali anche per singola assunzione... senza considerare il pericolo "allucinante" che un ragazzino correrebbe sotto effetto. Con la legalizzazione della canapa ludica, a parer mio, molti giovani eviterebbero l'accesso ad altre sostanze, potendo tranquillamente decidere se fermarsi intelligentemente al bicchiere di vino e alla canna, senza dover diventare un vero tossico. Chi non si ferma nella legalita', lo farebbe comunque in qualsiasi situazione, proibizionista o no.
2018-12-19 14:20:27
La KETAMINA CLORHIDRATO è oggetto di studio, con risultati più che promettenti, nell'ambito della cura delle depressioni. Tale farmaco non è una "droga" con accezione negativa come erroneamente citato dall'articolista (forse ammaliato dal pressapochismo dei Giovanardi) ma una molecola presente nelle farmacopee ufficiali di tutto il mondo. Per i miei figli temerei l'abuso di sostanze droganti liberamente vendute come l'alcool, che mietono migliaia di vittime ogni anno o, peggio, le pluriprescritte benzodiazepine cui la società contemporanea sta facendo ricorso in massicce quantità e ben lontano dall'occhio indiscreto delle FF.OO.
2018-12-19 14:41:47
Anche se fosse un antidepressivo (aspettiamo l'esito degli studi) non e' una sostanza che uno puo' prescriversi per automedicazione. Bene ha fatto la madre a sottrarre quello schifo ad una figlia senza testa.
2018-12-19 17:34:44
Certo, certo meglio imbottirla di psicofarmaci e lasciarla alla mercé degli spacciatori legalizzati di alcool nell'indifferenza generale. In termini di tossicità è come se la ragazza fosse stata fermata con i ben noti "sciroppi per la tosse" molto in voga tra i tossicodipendenti come surrogati e di cui certamente le FF.OO. non si sognerebbero mai di fare denunce per consumo e spaccio. Il proibizionismo ha fallito caro Elise, è ora che lo Stato padre-padrone clerico-fascista se ne faccia una ragione e cominci a fare informazione, prevenzione e riduzione del danno. A partire dall'alcool (che ha costi sociali devastanti per la sanità pubblica tra incidenti automobilistici e patologie alcoolcorrelate) e a seguire tutto il resto. Altro che perdere tempo per due sniffate di antidepressivo...
2018-12-20 17:03:01
...ma di cosa stiamo parlando??? Hai mai avuto a che fare con una persona sotto effetto??? Cioe' posso capire tutto ma no la difesa di abuso di sostanze davvero devastanti come questa! Che poi, se non lo sai, va condito tutto con abbondante alcool per cui i rischi decuplicano ogni minuto! Dai non facciamo gli scienziati quando si discute di grammatica!