Giovedì 13 Dicembre 2018, 09:08

Timbrava il cartellino e tornava ​a casa; il giudice gli dà ragione

PER APPROFONDIRE: ruggero orlando
Timbrava il cartellino e tornava  a casa: il giudice gli dà ragione

di Nicola Munaro

In sintesi, era tutto legittimo. Il suo arrivare a lavoro, timbrare e poi andarsene. Per poi tornare nel tardo pomeriggio, passare di nuovo il cartellino e prendere la via di casa. Così, per la bellezza di quattordici giorni, tra l'agosto e il novembre 2006. In tutto questo, nessuna truffa allo Stato secondo la Corte d'Appello di Venezia, che ieri ha assolto «perché il fatto non sussiste» un addetto al servizio accoglienza del Museo Concordiense di Portrogruaro ribaltando il verdetto del tribunale di Venezia e la condanna a 7 mesi e 10 giorni di cella (più 350 euro di multa) decisa un anno fa. Il motivo? Quel comportamento era stato annunciato in largo anticipo come forma di protesta e la lettera - protocollata e inviata con ogni crisma - aveva dato la possibilità a tutti di organizzarsi per
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Timbrava il cartellino e tornava ​a casa; il giudice gli dà ragione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 77 commenti presenti
2018-12-14 20:45:35
Votiamo dei deficienti, oppure quelli che crediamo ci porterà il vantaggio personale, poi ci sediamo davanti alla TV a guardare le partite, i "soliti ignoti", i buongiorni e le buonasere, i Fedez e Ferragni varie... senza parlare di giochini e cavolate varie sui telefonini...e poi ci meravigliamo scoprendo che mentre guardavamo da altre parti hanno votato quello che andava bene a loro, e non a noi...
2018-12-14 07:44:15
forma di sciopero consentita, largamente preavvisata e pertanto piu' che lecita... ma qualcuno non arriva a capirlo.
2018-12-14 07:00:48
In 30 anni Amministratori/sporlitici/statali l'hanno proprio resa una nazione ridicola....che roba!!!
2018-12-14 01:17:22
@@@@ Fredi74 2018-12-13 15:08:01 700??? Inizialmente un magistrato ordinario guadagna poco più di 2.200 euro netti mensili, cifra che aumenta considerevolmente dopo qualche anno. Dopo 4 anni dal conferimento dell’incarico, infatti, lo stipendio aumenta fino a sfiorare i 3.600 euro netti mensili. Al raggiungimento dei 20 anni di servizio, invece, il guadagno iniziale viene più che raddoppiato, tant’è che il magistrato guadagna circa 5.800 euro di stipendio netto mensile. A 35 anni dal conferimento dell’incarico, quando il giudice è quasi a fine carriera, lo stipendio mensile può essere anche di 7.500€. Se pensate che lo stipendio di un magistrato ordinario, quindi il giudice che si occupa del Diritto Civile e Penale, sia alto, allora dovete vedere quello dei magistrati amministrativi. Vista la delicatezza della materia - e la quantità elevata delle cause trattate - lo stipendio in questo caso è molto più alto: si parte da un guadagno di circa 4mila euro, fino ad arrivare a 15mila euro - netti mensili - verso la fine della carriera. Per non parlare dei giudici impiegati presso le Corti di Appello: questi inizialmente hanno un guadagno di poco più di 5.877€ mensili, mentre dopo un solo anno e mezzo di attività possono arrivare a 6.700€, 8.800€ se consideriamo anche le indennità.
2018-12-13 20:24:34
Ok a questo punto venga licenziato il Giudice,e vengano messi i cartellini con le impronte digitali anche nei Tribunali.