Separazione Mestre da Venezia: referendum il 30 settembre

Separazione Mestre da Venezia:  referendum il 30 settembre
VENEZIA - Il governatore Luca Zaia ha deciso la data per il referendum per la separazione di Veneiza e Mestre: sarà il 30 settembre prossimo. È la quinta consultazione referendaria per chiedere ai cittadini se vogliono separare i comuni di Venezia e Mestre, i primi quattro referendum sono andati falliti.

Ora ci sarà il quinto, ad annunciarlo questa mattina è stato il presidente del Veneto Luca Zaia. «La giunta regionale ha semplicemente espletato un impegno preso nei confronti del Consiglio regionale - ha spiegato - poi io mi fermo qua e non faccio campagna nè per il sì, nè per il no. L'amministrazione regionale ha l'obbligo di non interferire in queste partite».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Marzo 2018, 12:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Separazione Mestre da Venezia: referendum il 30 settembre
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-03-14 17:55:46
Finalmente ci liberiamo di amministratori mestrini che vietano ai lidensi di fare il bagno sulle loro spiaggie ai murassi!...
2018-03-14 11:20:23
Eh si, volete continuare a mungere la mucca! Venezia e Mestre non hanno nulla in comune, l'unico motivo per cui voi mestrini del PD vi incaparbite a fare resistenza é solo perché volete poter dire di essere veneziani...ma non lo siete.
2018-03-14 14:01:58
Faremmo volentieri a meno di pagare le tasse di Venezia, sia commerciali che TARI, altrochè, ve le lasciamo tutte sul vostro orgoglioso groppone.
2018-03-14 09:47:11
Per chi non conosce l'argomento. I cittadini di Venezia hanno degli amministratori eletti dai cittadini di Mestre, che è un'altra città, diversa in tutto. Questa anomalia va corretta subito. Brugnaro, sindaco di terraferma NON conosce Venezia, e come bravo uomo d'affari pensa che sia solo una gallina da spennare. Ovviamente lui il referendum non lo vuole.
2018-03-14 07:19:03
..dateci i confini dei due comuni, sono sicuro che tutto quello che vale soldi lungo la gronda lagunare andrà a venezia ed a mestre solo le case popolari e gli accampamenti di zingari con le zone da disinquinare. ma dai è sempre il solito referendum, se si taglia il ponte a metà con la motosega mi sta bene, altrimenti a votare non ci vado e spedo che mi seguano in tanti, se non c'è il quorum fatevi dare i soldini dell'operazione da zaia.