Il sacerdote scrive ai parrocchiani: «Chiesa in rosso per 800mila euro»

PER APPROFONDIRE: chiesa, debiti, maerne
Il sacerdote scrive ai parrocchiani: «Siamo in rosso per 800mila euro»

di Nicola De Rossi

MARTELLAGO - Quasi un milione di buco. Per la precisione, 800mila euro. Il debito, questa volta, non è di un’azienda o di un’amministrazione pubblica, ma di una parrocchia. E il nuovo sacerdote di Maerne, don Siro Zorzi, ha scritto ai suoi parrocchiani per spiegare che vi sono stati «alcuni impegni economici dovuti ai lavori realizzati in questi anni».

I soldi sono serviti - scrive - per «dotare la “cattedra di San Pietro” di strutture essenziali per l’attività pastorale e per la vita sociale e comunitaria dell’intero paese. Questi investimenti però hanno aperto anche la strada a un indebitamento consistente».
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 16 Gennaio 2018, 21:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il sacerdote scrive ai parrocchiani: «Chiesa in rosso per 800mila euro»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 36 commenti presenti
2018-01-24 21:51:20
A me la cosa puzza per questi motivi: è stato fatto il passo più lungo della gamba, prima si dovevano fare i lavori strettamente necessari, si dovevano pubblicare i preventivi e render edotti i fedeli delle varie spese future e possibili, presentar questo conto astronomico alla fine vuol dire o essersi mossi con estram disinvoltura finanziaria che rasenta l'ingenuità o esser in malafede, ad ogni modo può chieder una mano al suo capo invece di spremer i fedeli ed i loro magri risparmi.
2018-01-19 16:16:41
perchè nn chiede aiuto al mitico don contin...
2018-01-19 00:44:35
...turati su le maniche ed inizia a lavorare!
2018-01-18 17:59:14
se il mutuo ce significa che le banche lo hanno concesso con le garanzie mostrate altrimenti niente mutuo. Ora come tutti i comuni mortali fate onore aglio impegni e prima dell'appello ai fedeli chiamate la curia, se non può la curia interviene la banca vaticana. Per chiarezza poi, un'oratorio già cera, il fotovoltaico non era necessario, l'asilo se è in rosso aumentate le rette anche se prendete già il contributo per scuola paritaria, non pagate tasse immobiliari e chiedete soldi in continuazione come fossimo nell'era della decima per salvare l'anima. Su una cosa solo sono d'accordo: restituite i debiti graziosi di coloro che hanno dato fiducia alla parrocchia. Basta con le buste e pianti a cadenze regolari. Basta.
2018-01-18 08:26:51
Non conosco il sacerdote, probabilmente un ottimo prete ma evidentemente un pessimo amministratore. Affari suoi e dele Vaticano.