Informatica: aziende cercano 13.800 professionisti, ma non si trovano

PER APPROFONDIRE: career day, lavoro, padova
Giovani al computer

di Nicola Munaro

PADOVA - Come cercare un ago in un pagliaio: sviluppatori, system e business analyst, specialisti di Big Data, cyber security, IoT specialist, sono solo alcuni dei profili di cui le aziende non potranno fare a meno. A cui si aggiungono le professioni come il legale, le risorse umane o l’amministrazione ma per cui le competenze digitali saranno indispensabili.

In tutto si tratta di 13.800 posti di lavoro ad alta specializzazione digitale – e non solo - che il Nordest cerca e mette a disposizione, senza però trovare figure adatte al ruolo. Nel triennio 2016-2018 il fabbisogno stimato è di 85mila nuovi competenti e professionisti Ict, di cui 65mila nuovi e 20mila già dipendenti da educare alla tecnologia sul lavoro. Stando all’analisi delle offerte di lavoro sul web, il Nordest esprime una domanda annuale del 23% (13.800), spesso non soddisfatta perché le imprese faticano a trovare i profili giusti nei tempi imposti dal mercato e dall’incessante digitalizzazione ai tempi di Industria 4.0. Con il paradosso di un tasso di disoccupazione giovanile al 32,8%, senza però che ci siano giovani da assumere. Ed è per questo che martedì Stage.It, il Career Day promosso dall’Ict Lab di Confindustria Padova per favorire percorsi ad alto contenuto formativo nel settore Ict, è pronto a tornare in Fiera a Padova e mettere sul piatto 184 progetti di tirocinio in ambito digitale, offerti da 77 aziende di Padova e Treviso e destinati a studenti universitari dell’ateneo di Padova e di Ca’ Foscari (Venezia). Un’intera giornata, organizzata da Confindustria Padova e Unindustria Treviso, e dedicata all’incontro tra le imprese di tecnologie dell’informazione e della comunicazione e gli studenti dei corsi di laurea triennali in informatica, ingegneria informatica, statistica dei due atenei.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 7 Aprile 2018, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Informatica: aziende cercano 13.800 professionisti, ma non si trovano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2018-04-10 16:34:17
Concordo.... il problema sono solo le paghe. Siamo informatici estremamente preparati a livello mondiale e dobbiamo accontentarci di uno stage per 4 spicci oppure di un contratto a tempo indeterminato a 1200 euro al mese dove in ogni altro stato d'Europa lavora di meno e guadagni di piu'?! Ma come si fa ad inquadrare gli informatici con il contratto metalmeccanico? Vi e' forse qualche relazione tra i due lavori? Una citta' a caso: Dublino... se in Italia prendi 1200, li come primo lavoro prendi minimo minimo 2500. Se sei davvero bravo superi senza problemi i 4000 euro. Andate a farvi un giro nelle varie capitali e ne troverete si di informatici Italiani! Altra cosa da considerare come vieni trattato "umanamente". Ricordo che in Italia se stavo in pausa piu' di 10 minuti il "capo" veniva a redarguirmi... what?! Ci vorrebbe un qualcosa di strutturato, no l'evento organizzato a caso con aziende assetate di studente a pochi soldi.
2018-04-08 17:51:20
HAHAHAHA!!! ancora con queste pagliacciate!!! nessuno vuole lavorare per 500 euro al mese, in nero o con contratto a tre mesi! ma daiii!!! raccontatela tutta! basta pagliacciate!!!...
2018-04-08 17:05:02
Non si trovano perché è un lavoro complicato in cui c'è bisogno di aggiornamenti quotidiani su tecnologie, leggi ecc. Serve preparazione approfondita e sacrificio per imparare e buona parte dei nostri giovanotti non sanno neanche dove stia di casa e pensano di essere geni dell' informatica perché sanno creare gruppi di whatsapp. Don date colpa alle paghe che in questo settore sono piuttosto alte da subito e il lavoro sicuro.
2018-04-08 11:18:22
Purtroppo il contratto di apprendistato come altri contratti, vengono usati dalle aziende per abbassare il conto del lavoro. Nessuno dei nostri politicanti e sindacati ha mai voluto metterci le mani. Eppure sarebbe molto semplice. Pur mantendo i contratti esistenti basta aggiungere a una piccola regola. Oltre alle regole previste, e'previsto che al termine del periodo non ci sia l'obbligo di assunzione. Pur mantenendo questa regola basta aggiungere che non si puo' assumere nessuno con lo stesso contratto per gli stessi anni usufruiti. Vedrete che gli imprenditori cercherebbero realmente di formare i loro personale
2018-04-08 00:36:41
Sempre la stessa storia... Anni fa ho letto personalmente un annuncio di questo tipo: "cercasi programmatore max 24 anni, conoscenza .NET, C#, Oracle, SQL Server, Mysql, architetture ecc. ecc. , offresi contratto di apprendistato per 4 anni" (non sto scherzando). Ma anche senza arrivare a casi limite, e' ovvio che se tutti vogliono personale gia' con esperienza, l'esperienza non se la fa nessuno.