Mamma e figlio nomadi estorcono 40mila euro a una dottoressa

Mamma e figlio nomadi estorcono  40mila euro a una dottoressa
MIRANESE - Prima semplici elemosine, poi richieste di risarcimento e infine le minacce, anche di morte. I Carabinieri della Compagnia di Mestre hanno arrestato per estorsione Natascia Pesce, 38 anni, e il figlio Sean Marley Guarda, 18 e mezzo, e denunciato alla Procura dei minori un altro figlio della donna 17enne. Tutti nomadi domiciliati in un campo del Bergamasco. Ma nella vicenda sono implicate altre persone ancora.

La vittima è una dottoressa, medico di base, del Miranese. A questa la scorsa primavera si è rivolta una giovane donna (che ha fornito un nome fittizio) che dapprima ha solo domandato un aiuto perché si trovava in difficoltà. Poi ha chiesto di diventare sua assistita. La professionista ha rifiutato, è nato un litigio, l’ha messa alla porta. Dopo qualche settimana la donna l’ha accusata di averle fatto perdere il bimbo che portava in grembo e ha chiesto un risarcimento. Da qui è partita una lunga serie di telefonate, sms, mail - anche con l’intervento di un sedicente “avvocato”. E alla fine sono giunte pure le minacce, sempre più pesanti. Dopo aver versato complessivamente circa 40mila euro, il medico di base, sempre più impaurita, è andata dai Carabinieri.

Alcuni giorni fa è giunta l’ennesima pretesa di denaro, 1900 euro da lasciare a un telefono pubblico a Busa di Vigonza (Pd). I militari della Compagnia di Mestre hanno organizzato una trappola e ieri pomeriggio hanno bloccato la Pesce mentre pigliava la busta nella cabina. Con lei erano i due figli. Gli inquirenti sono sulle tracce della giovane che è andata dalla dottoressa e che poi l’ha accusata, dell’”avvocato” e di almeno un’altra persona che ha funto da emissario.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Ottobre 2017, 13:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mamma e figlio nomadi estorcono 40mila euro a una dottoressa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-10-12 12:53:05
Tutta gente tutelata dalla sinistra e che NON scontera' un giorno in carcere. Segna Enrico, segna....ciao ciao.
2017-10-12 09:07:20
Forza politi indecenti, proteggeteli ancora questi delinquenti che vivono illegalmente di abusi verso la Popolazione. Questa e' gente che non puo' e non merita di vivere tra le persone oneste, laboriose e rispettose della legge ovvero tra gli Italiani. C'e' qualcuno che ha un parere diverso ?
2017-10-12 08:20:46
## Ci stanno insegnando per bene,come dice la Sig.ra Boldrini, i loro usi e costumi : quando non e' furto e' estorsione,se non e' borseggio e' rapina.ma probabilmente sono io che non capisco questa cultura. Lo dice anche l'Uomo vestito di bianco,che abbiamo solo che da imparare.
2017-10-12 08:16:42
Italiani!! Svegliatevi!!!!
2017-10-12 08:12:53
A me è capitato di vedere Zingari o chiamateli come volete, durante l' accattonaggio insistente verso le persone, oppure che si mettevano per strada a suonare strumenti di vario genere occupando suolo pubblico senza autorizzazione. Questi individui, li mando via in modo diverso rispetto alla legge italiana a protezione di costoro. Il risultato che quando si mettono a urlare o a tentare di estorcermi denaro, io non mi piego e carico di più. Il risultato? Scappano; quindi: Ordine, pulizia e disciplina, ciò che lo Stato italiano non applica.