Febbre del Nilo, altri 2 casi in Veneto: è allarme a Mira e Pianiga

PER APPROFONDIRE: disinfestazione, febbre nilo, mira, veneto, virus
Febbre del Nilo, l'epidemia dilaga: altri due casi nel Veneziano
MIRA - Due altri caso di "Virus del Nilo" anche a Mira nel Veneziano, è allarme. Dopo quello del 77enne di Cavarzere di tre giorni fa e quelli registrati in Polesine (5 in totale), il secondo caso di West Nile in provincia di Venezia è stato confermato questa mattina dall'Ulss 3 Serenissima che ha già comunicato all'amministrazione comunale di Mira la necessità di attivare un trattamento di disinfestazione straordinaria dalle zanzare. Ad essere colpito dal virus sarebbe un cittadino mirese che si trova ora ricoverato in ospedale.  Non si conosce l'età del paziente: è comunque italiano e di sesso maschile.

Poche ore dopo un altro  caso conclamato a Mellaredo di Pianiga, si tratta di un 50enne veneziano che è ricoverato a Padova. Anche in questo Comune stanotte partitirà la disinfestazione

"La situazione è costantemente monitorata - ha spiegato l'assessore all'Ambiente del Comune di Mira, Maurizio Barberini - e come richiesto dal protocollo stiamo provvedendo oltre che alla disinfestazione anche ad un'azione di informazione della cittadinanza attraverso l'installazione di appositi cartelli nel territorio per sensibilizzare i residenti ad un atteggiamento di prudenza e di prevenzione, in particolare nell'accesso alle zone verdi, i giardini, i parchi, gli orti privati. In queste ultime settimane le piogge abbondanti hanno contribuito al proliferare delle zanzare. Nessun allarme, ma la prevenzione è la cosa migliore da fare".

++ I particolari sul Gazzettino del 27 Agosto ++
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 26 Luglio 2018, 14:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Febbre del Nilo, altri 2 casi in Veneto: è allarme a Mira e Pianiga
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-07-27 12:04:24
... gli uccelli migrano. gli uomini emigrano e per falo abbisognano di documenti. al di fuori di questo sistema c'è solo la clandestinità ( reato in molta parte del mondo ).. perchè il virus si propone solo ora ? solo lui lo sa. ma si può pure immaginare con l'ausilio della materia grigia se non rosso contaminata.. cercare una verità che già si sa fa parte di un sistema perdente. al capolinea che non merita neppure di sopravvivere tanta è la sua ignavia...
2018-07-27 10:57:40
Lasciamo stare gli uccelli che hanno sempre migrato, non solo adesso. E lasciamo stare anche i migranti, non si può sapere se hanno responsabilità. Responsabilità che hanno invece le varie amministrazioni comunali (o chi aveva competenze in merito) che non hanno fatto NIENTE negli ultimi 20 anni, vedi il proliferare della zanzara tigre che non ti lascia più vivere. Disinfestare inquina? Perché spruzzarci tutti quelli spray addosso ed annusare i vari fumi di zampironi, citronella ed affini ci fa bene?
2018-07-27 09:20:04
E fare la prassi anti zanzare in tutti i comuni invece che in solo in quelli colpiti no?
2018-07-27 09:05:48
Tutti sti immigrati portano delinquenza, aggressivita, zanzare, malattie...ah no sacusate, tutto questo lo stanno portando i FINLANDESI in vacanza da noi!!!
2018-07-27 08:11:56
Prima era una malattia sconosciuta ed assente nelle nostre terre. Ma siccome la colpa e degli uccelli migratori, vuol dire che ho scoperto un'altra verita. Prima gli uccelli non migravano e da un po di tempo si. Il mondo cambia anche per uccelli!