«Dacci i soldi»: tabaccaio massacrato con pugni in faccia dai rapinatori

Renato Scabello

di Monica Andolfatto

MESTRE - Pugni. Tanti. Violenti. Soprattutto in faccia e in testa. Tanto da spezzargli due denti e da provocargli un taglio suturato con tre punti in fronte. A segnare il volto anche la tumefazione all'occhio destro, che per fortuna non ha subito lesioni interne. A distanza di quasi 24 ore Renato Scabello, 63 anni, è ancora scosso per la rapina subita l'altra sera, verso le 19, nella tabaccheria al civico 271 di via San Donà a Mestre, al piano terra della sua abitazione. Erano in due, giacca scura, uno con in capelli cortissimi. Quando hanno fatto irruzione nella piccola rivendita non sono andati per il sottile. Volevano i soldi dell'incasso. Lui gli ha detto che non ce n'erano, che non tiene mai denaro in negozio. Hanno cominciato a malmenarlo selvaggiamente e senza pietà. Sono scappati quando hanno visto che si stavano avvicinando delle persone a piedi, rubando i rotolini con le monetine divise per importo. Alcuni passanti hanno dichiarato alla forze dell'ordine di aver visto i due malviventi fuggire su una Golf, guidata da un terzo complice. Forse si tratta di un'auto rubata qualche ora prima ad Asseggiano...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 30 Dicembre 2016, 13:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Dacci i soldi»: tabaccaio massacrato con pugni in faccia dai rapinatori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2016-12-30 13:45:07
Ci scommetterei che questi banditi sono coloro i quali vengono in Italia e che con il loro "lavoro" il governo di comunisti che abbiamo, a nostra insaputa, dice che possono pagare le nostre pensioni.
2016-12-30 14:07:44
Una fatica commentare senza infarcire di improperi i buonisti e i loro accoliti.
2016-12-30 14:11:36
Vorrei esprimere ,come prima cosa,massima solidarieta' e vicinanza al signor Scabello ,assieme agli auguri di guarigione il piu' rapidamente possibile . Sappiamo che chi gli ha fatto questo non paghera' le sue colpe. Cosa possiamo fare ? Andiamo a trovarlo , andiamo a fare acquisti nel suo negozio . E' giustissimo indignarsi ,ma dobbiamo cominciare ad aiutarci tra noi . Cominciare a essere uniti nelle sventure . Smettiamo di parlare solamente . Io non so dove si trova la via , ma questo non mi fermera' .
2016-12-30 14:32:38
E per fortuna che secondo i dati della Prefettura i reati di furto e rapine erano in diminuzione.... in una settimana ne ho già lette 5 di notizie di furti e rapine nel territorio miranese, e veneziano... forse qualche notizia mi è anche sfuggita... comunque questi dati sarà meglio rivederli perché non mi sembra proprio che siano diminuiti.. Che sia un mero tentativo per farci stare buoni e tranquilli... mha
2016-12-30 14:39:36
@ Anonimus Lady: giusto quello che scrive, condivisibile anche su piano umano. Prima ancora di "leccarsi le ferite" io direi che dobbiamo incominciare a sradicare il male incominciando dalla radice e cioe' smettere di eleggere con il nostro voto questi governi garantisti solo per i delinquenti.