Retata di irregolari: espulsi 10 immigrati, "sospesi" due locali a Mestre

Retata di irregolari: espulsi 10 immigrati, "sospesi" due locali a Mestre
Si è conclusa oggi 11 ottobre 2018, un'azione straordinaria di controllo del territorio, avviata ieri sera, e condotta congiuntamente da polizia e carabinieri secondo il protocollo concordato con il prefetto Vittorio Zappalorto.

Sul territorio mestrino, la polizia ha identificato 29 persone, tra le quali ben  7 stranieri irregolari sul territorio nazionale, per i quali è stato emesso il decreto di espulsione. I poliziotti del commissariato di Jesolo, inoltre, hanno proceduto all’identificazione di due spacciatori tunisini ed un cittadino albanese, tutti irregolari; uno dei tunisini, in particolare, è stato individuato all’interno di una struttura alberghiera abbandonata in zona Pineta.  I carabinieri hanno proceduto all’identificazione di numerosi stranieri extracomunitari nelle zone di campo Santa Margherita e San Pantalon nel centro storico di Venezia identificando 23 persone tra cui un irregolare sul territorio italiano. Inoltre venivano identificati 26 persone nella zona di Marghera  e Mestre tra cui altri 3 irregolari, spacciatori di origine tunisina.
 


Un altro immigrato irregolare, con numerosi precedenti di polizia, veniva rintracciato nel comune di Meolo. A San Donà è stato deferito in stato di libertà un cittadino albanese, fermato in evidente stato di ebbrezza alla guida di un’autovettura e trovato in possesso di un coltello da cucina senza giustificato motivo.
Otto stranieri irregolari identificati dalla polizia e dai carabinieri, a seguito del provvedimento di espulsione a firma del Prefetto, nella mattinata di oggi  sono già stati imbarcati su un aereo e condotti al Cpr di Bari. Altri due immigrati irregolari, tra cui il tunisino identificato a Jesolo sono stati portati al Cpr di Torino nel pomeriggio.

Le unità cinofile hanno consentito di trovare e sequestrare 54 grammi di marijuana, rinvenuta in diverse dosi presso il parco Querini di Mestre.

 La capillare attività di monitoraggio del territorio veneziano ha visto l’esecuzione di due decreti di sospensione di due attività commerciali, emanati dal Questore di Venezia. Polizia e carabinieri hanno già notificato i provvedimenti ai due locali destinatari: il "Play and win" di via Paruta n. 31, a Mestre, e l’esercizio di vicinato “Sonali Alimentari”, di via Piave n. 99, a Mestre.  I due esercizi commerciali erano monitorati da quest'estate, a seguito di segnalazioni, e si è appurato come  entrambi i locali fungessero spesso da luogo di ritrovo di persone pregiudicate, tra le quali numerosi stranieri irregolari con precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, rissa e reati contro il patrimonio. Entrambe le attività commerciali sono state sospese per una durata di 15 giorni.

Altri particolari sul Gazzettino del 12 ottobre
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Ottobre 2018, 20:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Retata di irregolari: espulsi 10 immigrati, "sospesi" due locali a Mestre
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-10-12 10:30:50
Come svuotare un oceano con un cucchiaino. Ma immagino che "renda" in termini pubblicitari. Che facciamo, però con i vari delinquenti di etnia italiana che sono multi-recidivisti e che non possiamo espellere ne sbattere in galera viste le leggi vaticaniste votate (sia da destra che da sinistra) negli ultimi decenni ? Liberi di delinquere e rendere la vita impossibile a chi invece rispetta le leggi, paga le tasse e vuol vivere in santa pace ?
2018-10-12 08:04:19
Ordine Pulizia e disciplina. Continuare con i rastrellamenti.
2018-10-12 00:05:17
Interessante... che la pacchia sia finita?
2018-10-11 23:11:18
E' ora di finirla con questo ridacchiare sul comportamento delle forze dell'ordine amico Coppertone. Chi spaccia non deve avere nessuna possibilità di ripetere quello che fà. Le pene andrebbero immediatamente inasprite e chi spaccia deve essere trattato alla stregua dei peggiori criminali. Fanno morire i nostri figli senza che ce ne accorgiamo. Vi consiglio di passare qualche giornata coi genitori di figli immersi nella nullità che provoca la droga poi ne riparliamo. Vi scrive un genitore che abita in Piazzale Bainsizza. Ma chi copre questa gentaglia venditrice di morte forse ne fà proprio uso....
2018-10-11 21:32:40
Il biglietto aereo era A/R; tanto costa uguale!