Studenti in strada: «Siamo sfruttati» Uova lanciate contro il Mc Donald's

PER APPROFONDIRE: manifestazione, sciopero, studenti, venezia
Studenti in strada: «Siamo sfruttati». Uova lanciate contro il Mc Donald's
VENEZIA - Venerdì caldo sul fronte degli scioperi nelle scuole. In molte piazze d'Italia sono state organizzate presidi legati ad una grande manifestazione nazionale e gli studenti hanno scioperato per criticare il progetto di l'alternanza scuola/lavoro. 

A Venezia circa 400 alunni si sono dati appuntamento a Piazzale Roma, protestando contro le biglietterie Actv per il caro trasporti e poi hanno iniziato il corteo verso Rialto. Un altro corteo di circa 50 studenti è invece partito da San Polo. All'altezza di Strada Nuova sono state lanciate uova contro il Mc Donald's che per i ragazzi rappresenta una delle multinazionali che "sfutta" gli studenti con le ore degli ex stage, oggi alternanza scuola/lavoro.

La manifestazione è stata sorvegliata a vista dalla polizia in assetto antisommossa e dalla Digos. Gli studenti di Venezia e provincia, giunti in campo San Giacometo hanno appeso uno striscione alle colonne, a due passi dall'ingresso del tribunale: "Contro sfruttamento e pubblica distruzione".
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 13 Ottobre 2017, 12:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Studenti in strada: «Siamo sfruttati» Uova lanciate contro il Mc Donald's
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2017-10-14 07:02:11
Esiti diversificati.Chi viene messo a spazzare i trucioli metallici, chi impiegato alla macchina a controllo numerico, chi al disegno automatizzato, chi postato in sala mensa a farsi i compiti , che tanto poi la firma la danno lo stesso. Un giovane mi ha raccontato che a scuola ha sempre disegnato con riga e matita, in fabbrica richiedevano piena padronanza del CAD ( al momento dell'iscrizione alla scuola , avevano fatto sfilare i catturandi per l'iscrizione in sala computer con tanto di Cad e macchine a controllo numerico, mai poi effettivamente adoperate...erano capitati con insegnante supplente attempato all'antica che del Cad non sapeva un fico e neppure si era mai preoccupato di apprenderlo.Pero' inflessibile nello spessore del tratto da stendere con matita giusta appuntita con carta vetrata)
2017-10-13 22:14:36
Poveri illusi arroganti e prepotenti, nel mio studio professionale ne ho avuto 4 o 5, tutti bravi ragazzi ma totalmente incapaci (come è normale che sia visto che non hanno esperienza!). Non solo non gli è dovuto un solo euro, ma dovrebbero essere loro stessi, sottraendoli alla "paghetta"e non sempre alla famiglia, a dar soldi alle strutture che li ospitano per l'infinità di tempo che ti fanno perdere...io da 6 mesi ho deciso di non accettarli più, ma imparino bene che per pretendere bisogna dare, cosa che non sono in grado di fare.
2017-10-13 21:16:31
Piccole trote crescono.
2017-10-13 20:52:40
Alternanza scuola lavoro, ovvero idea buona, realizzazione pessima. Ho esperienza diretta nella classe di mio figlio; oltre la metà degli studenti durante gli stage ha fatto solo fotocopie, archivio e lavori di sistemazione (quasi da addetti alle pulizie). Fatta così è meglio lasciar perdere, come sempre in Italia si vogliono fare le nozze con i fichi secchi (non si creano le condizioni per far funzionare idee che, di principio, sarebbero anche buone). Infine 400 ore sono decisamente troppe, meglio farne 200 ma che siano utili.
2017-10-14 11:23:08
xharliepd7 si vede che lei capisce molto poco. Lei e' il tipico genitore italiano. Cosa vuole che facciano fare a suo figlio il CEO? Certo che fa fotocopie. Ne ho fatte tante di fotocopie io e tanti amici miei che adesso rivestono ruoli di primo piano. Svegliatevi tesori miei. E non lamentatevi se i figli non trovano lavori. Ne facciamo di colloqui in azienda alla ricerca disperata di qualcuno con le palle...