La mafia si comprava società in crisi a Nordest: giro d'affari da 12 milioni

La mafia si comprava società in crisi  a Nordest: giro d'affari da 12 milioni
VENEZIA - Una decina di misure cautelari, assieme a,una sessantina di perquisizioni, nel quadro di una indagine su infiltrazioni di stampo mafioso nel tessuto economico del Nord Italia, sono in corso di esecuzione da parte dei carabinieri di Venezia. I provvedimenti, sotto il coordinamento della direzione distrettuale antimafia di Venezia, riguardano un sodalizio ritenuto contiguo alla 'ndrangheta calabrese che operava attraverso l'acquisizione di società in difficoltà che venivano intestate a prestanome e attraverso le quali venivano realizzate truffe ai danni di ditte fornitrici dei più diversi generi, di istituti di credito e finanziari. Il volume d'affari stimato delle truffe è attorno ai 12 milioni di euro. I reati contestati vanno dalla violenza aggravata dal metodo mafioso alla truffa, bancarotta fraudolenta, ricettazione e riciclaggio. (il commento del presidente del Veneto Luca Zaia: LEGGI)

L'indagina ha avuto origine nel Sandonatese (Venezia). In manette sono finiti Michelangelo Garruzzo, 56enne di Rosarno, residente in provincia di Treviso e Antonio Anello, 63enne di Curinga, che viveva tra Calabria e Veneto.

L'operazione è la conseguenza di una complessa attività investigativa (di tipo sia tecnico sia «tradizionale», attraverso servizi di osservazione e controllo, indagini bancarie e finanziarie). Ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati di una sessantina di persone, coinvolte, a vario titolo, nel reato di associazione per delinquere finalizzata alle consumazione di truffe, anche in danno di istituti di credito e finanziari, bancarotte fraudolente, indebiti utilizzi di carte di credito e di prelievo di carburanti, ricettazione, riciclaggio e violenza privata, con l'aggravante, per diversi, di aver agito avvalendosi di metodi mafiosi, per agevolare l'organizzazione criminale della Ndrangheta calabrese, attraverso le sue articolazioni. Circa 60 le perquisizioni disposte in varie regioni d'Italia, tutt'ora in corso di esecuzione, nei confronti di ricettatori e fiancheggiatori. Oltre 150 risultano le imprese truffate, il cui danno complessivamente patito si aggira intorno ai cinque milioni di euro.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 7 Marzo 2017, 08:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La mafia si comprava società in crisi a Nordest: giro d'affari da 12 milioni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-03-07 14:12:07
Complimenti ai carabinieri di Venezia e S.Donà di Piave!
2017-03-07 13:41:08
Ci mancavano anche i delinquenti calabresi . Grande Sud !