Martedì 7 Agosto 2018, 09:50

Licenziato dalla multinazionale, parte all'avventura con la barca a vela

Francesco Cerclin Re a bordo della sua imbarcazione

di Filippo De Gaspari

MIRANO - Licenziato dalla multinazionale, sceglie il mare e la libertà per rifarsi una vita. Da Mirano alle isole greche, poi chissà: Francesco Cerclin Re, 36 anni, da oltre un mese naviga per l'Adriatico e lo Ionio dopo essere rimasto in rada per 11 anni con un lavoro sicuro e uno stipendio più che dignitoso. Il sogno esce dal cassetto quando la multinazionale olandese per la quale lavora come area manager cambia proprietà, avvia una profonda ristrutturazione e lo lascia a casa. «Lì - racconta...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Licenziato dalla multinazionale, parte all'avventura con la barca a vela
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-08-09 10:44:04
quindi è sufficiente essere licenziati e andarsi a fare un giro in barca per finire sui giornali? Ma non capisco se sia un esempio positivo o negativo. Oppure se non rappresenti nulla di rilevante. Sono scelte sue e non mi sembra neanche una scelta così dirompente. Si sta facendo un giro in barca. Non è che ha aperto un centro di missionari a Calcutta.
2018-08-08 22:47:46
Lui non era una persona qualsiasi nell'azienda dove lavorava. E' uscito col massimo dei voti dall'Università qui in Veneto, aveva una più che adeguata retribuzione, se si prende un pò di tempo per pensare un pò cosa fare e vedere il mondo con un pò di calma, anzichè' dai vetri di un ufficio, beh, non so che torto dargli. P.S. se siete finiti fisicamente a50 anni siete messi male! ;-D
2018-08-08 09:49:01
Quella della non concorrenza e' clausola che blocca le libere iniziative, garantite dai trattati Europei....si gioca sempre sul filo del rasoio. Spesso le parti si accordano, una specie di paganmento dell'addestramento ricevuto ,anche se le innovazioni non le puoi cementare.Basta cambiale un pochino per uscire dai brevetti.Quanto al dirottamento della clientela, occorre provare che e'avvenuto rubando informazioni secretate della ditta da cuisi e' stati licenziati.Non e' furto se i dati erano a dispisizione di tutti i dipendenti o se era evidente che i dipendenti erano bravi. ppoi esistonoanche modi per formare nuov aditta senza apparire ed essere attaccati e mettendo al sicuro il patrimonio personale e intriti..per un avvocato occorre trovare il contro avvocato-commercialista smaliziato con i marroni .
2018-08-07 20:08:37
Good luck!
2018-08-07 16:51:04
Normalmente, immagino fosse un dirigente, oltre ad incassare il tfr più eventuali ferie non godute, spesso viene stipulato un accordo di "non concorrenza" dove il licenziato su impegna a non esercitare per un certo tempo (per legge max 5 anni, credo) attività con aziende concorrenti, a fonte di una contropartita in denaro. In sostanza, se vuole restare nel settore, può anche essere impossibilitato a lavorare per un certo tempo. E un pò di disponibilità non manca di certo.