Domenica 5 Agosto 2018, 10:39

Tragedia in laguna. Ivan, l'investitore sotto choc: «Non li ho visti, erano senza luce»

Ivan Bastasin

di Giorgia Pradolin e Tomaso Borzomì

VENEZIA - Una serata di festa da una parte, una battuta di pesca dall'altra. Entrambe si sono trasformate in tragedia quando l'Open di Ivan Bastasin ha falciato la barca con a bordo i due pescatori di Castello, Renzo Rossi e Natalino Gavagnin. Con il 28enne, che lavora come sostituto gondoliere, c'erano altri tre amici, un ragazzo e due ragazze. Erano di ritorno da una cena sull'isola delle Vignole e ora saranno le indagini a stabilire cosa sia accaduto in quel canale, tra l'isola di Sant'Andrea e l'aeroporto Nicelli.  La dinamica è da ricostruire nei dettagli, ciò che si dà per scontato è che la velocità dell'Open non poteva certo essere moderata. A sua discolpa il gondoliere ha però sostenuto, fin dall'inizio e anche davanti al figlio di una vittima, di non aver visto la barca dei pescatori perché questi sarebbero stati senza luce.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tragedia in laguna. Ivan, l'investitore sotto choc: «Non li ho visti, erano senza luce»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2018-08-07 21:45:53
Un bel coraggio a raccontare balle e farsi anche fotografare !
2018-08-06 08:35:14
Faccio notare che col 150 cv, per quanto a manetta, la velocità sarà stata di sicuro ben inferiore ai 40 nodi, che, tradotti in Km orari, fanno circa 70. Cioè il limite di velocità imposto sul Ponte della Libertà. D'accordo che in acqua la percezione della velocità è diversa che sulla strada, perché l'acqua non è liscia come l'asfalto, però parliamo di percezione. La differenza sta nel fatto che se ti ritrovi una macchina a fari spenti ferma in mezzo alla strada a 60 o 70 Km orari, forse fai in tempo a frenare e a sterzare. Ma la barca non ha né i freni né lo sterzo di un'automobile. Se Ivan Bastasin fosse stato al volante di una Panda o in motorino, e si fosse schiantato a 60 o 70 Km orari contro un veicolo fermo a luci spente in mezzo alla strada, senza per altro essere ubriaco, credo che ben pochi infierirebbero contro di lui come fanno.
2018-08-05 14:28:38
Caro ragazzo , andavi troppo forte e forse hai qualche problemino alla vista , urge una revisione della patente .
2018-08-06 12:52:26
Mah, se erano veramente senza luci e per sfiga c'era nuvolo, sfido chiunque a vedere una barchetta di notte in pieno buio. I limiti poi sono così ridicoli che in molti tratti non permetterebbero ad un motoscafo neanche di andare in planata. Tanto vale vendere la barca. Non voglio incolpare nessuno ma andateci piano ad accanirvi con sto ragazzo prima di conoscere i fatti. Gli incidenti purtroppo a volte accadono, ma questo non dev'essere un motivo per desiderare un mondo di morti viventi... quasi tutte le cose divertenti prevedono una minima componente di rischio.
2018-08-05 14:27:19
Che fossero senza luce è tutto da dimostrare . Dimostrabilissima sarà invece attraverso l'entità dell'impatto, la velocità alla quale andava il conduttore del mezzo che sarà stata prossima a quella del suono. Non si deve correre . Punto e basta. Fare i fighetti questa volta è costato caro. Indifendibile e ingiustificabile....soprattutto quando la categoria alla quale appartiene rivendica a voce alta l'andare piano e il no al moto ondoso....co i xe al lavoro...