Tragedia a Cona, Marco muore
a 19 anni: tornava dalla Maturità

PER APPROFONDIRE: cona, incidente, marco coletta
Tragedia a Cona, Marco muore ​a 19 anni: tornava dalla Maturità

di Diego Degan

Correva Marco Coletta. Così hanno detto i testimoni ai carabinieri che hanno rilevato l'incidente nel quale il giovane ha perso la vita, ieri mattina. Non potevano sapere, gli spettatori di quell'incidente, che Marco stava tornando a casa, a Piove di Sacco, dopo aver dato, poco prima e facendo una buona impressione alla commissione d'esame, l'orale della maturità all'istituto professionale «Guglielmo Marconi» di Cavarzere.

IL TRAGICO SCHIANTO Scontro tra due furgoni e due auto a 19 anni muore fra le lamiere

Le sue fatiche di studente erano finite e, probabilmente, non vedeva l'ora di mettersi in vacanza, di godersi uno scampolo d'estate, prima della pubblicazione dei risultati che, sicuramente, lo avrebbero premiato e gli avrebbero consentito di spiccare il volo verso il mondo del lavoro. Invece quella fretta che aveva di arrivare, di crescere e diventare adulto, lo ha tradito e gli ha impedito di concludere tutti i suoi progetti.

 
GLI INTERVENTI
Ieri, alle 11.35, sulla Regionale 516 Piovese, al chilometro 31, Marco Coletta, 19 anni (ne avrebbe compiuti 20 il prossimo 13 agosto) ha perso il controllo della sua Seat Ibiza nera, ha invaso la corsia opposta e si è scontrato con un furgone Ducato, di colore giallo, a bordo del quale c'erano un uomo e una donna, entrambi di mezza età. Nello scontro la macchina di Marco è finita, prima, contro uno dei platani che costeggiano la strada, poi, nel fosso a lato della strada, completamente distrutta. Il furgone, invece, è rimasto sulla carreggiata, ma una seconda auto, una Fiat Punto, di colore rosso, che viaggiava dietro il furgone, ha sbandato, per cercare di evitare lo scontro con i primi due veicoli, ed è anch'essa finita nel fosso.

Marco è morto sul colpo, gli occupanti del furgone hanno subito vari traumi, ma nessuno che li mettesse in pericolo di vita, le due giovani ragazze che si trovavano a bordo della Punto, se la sono cavata con qualche contusione. Sul posto sono arrivati, nel breve volgere di alcuni minuti, i sanitari del Suem 118, i vigili del fuoco del distaccamento di Cavarzere e i loro colleghi di Mestre con l'autogru e i carabinieri del nucleo radiomobile per i rilievi del caso. Che per Marco non ci fosse più nulla da fare è stato subito evidente. I soccorritori si sono, allora, concentrati sui feriti. I pompieri, usando tenaglie e divaricatori, hanno fatto uscire dall'abitacolo la coppia all'interno del furgone. La donna, 53 anni, di Selvazzano Dentro, è stata trasportata all'ospedale di Piove di Sacco, l'uomo a quello di Chioggia. Le due giovani della Punto sono finite anch'esse a Piove ma, a quanto pare, solo per dei controlli a scanso di complicazioni. Successivamente i vigili del fuoco hanno provveduto ad aprire la Seat Ibiza e a recuperare il corpo di Marco.

LA RICOSTRUZIONE
I carabinieri hanno raccolto le testimonianze delle persone coinvolte e di altri automobilisti che avevano assistito alla scena dell'incidente. E' toccato ancora ai vigili del fuoco recuperare i veicoli con l'autogru e ripulire l'asfalto dai residui dell'incidente, operazioni che sono durate fin verso le quattro del pomeriggio e, nel frattempo, il traffico è stato deviato verso Monsole e Cantarana per chi era diretto a Cavarzere e Adria, e viceversa. Una parte del traffico locale ha preferito collegamenti secondari verso Conetta e Rottanova. I controlli sullo stato psicofisico del conducente del Ducato hanno dato esito negativo, quelli, obbligatori, su Marco saranno eseguiti nei prossimi giorni, dato che la salma è stata posta sotto sequestro, insieme ai due veicoli che si sono scontrati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 1 Luglio 2018, 12:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tragedia a Cona, Marco muore
a 19 anni: tornava dalla Maturità
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-07-03 21:43:02
Riposa in pace Marco
2018-07-01 19:18:58
Il giorno dell'orale della mia maturità, assieme ad un amico partimmo per una rilassante gita in montagna, ma dopo qualche decina di chilometri ci fermammo per rilassarci, tanto era lo stress, che ci svegliammo in macchina che era già buio. Povero ragazzo a lui non è andata bene come a noi