Dal parcheggio comunale piovono fumogeni: momenti di tensione a piazzale Roma

PER APPROFONDIRE: fimogeni, venezia
Dal parcheggio piovono fumogeni:
attimi di tensione a piazzale Roma
VENEZIA - Momenti di tensione domenica pomeriggio a Venezia durante la manifestazione di associazioni e comitati cittadini veneziani per per chiedere un turismo più consapevole e un rispetto maggiore per i residenti. Alcune persone hanno acceso fumogeni e srotolato uno striscione dal terrazzo del parcheggio comunale. Il fumo colorato per alcuni secondi ha invaso le carreggiate di Piazzale Roma, proprio in mezzo al via vai di autobus e auto, rendendo più difficile la visibilità di chi guidava. Secondo la questura i manifestanti sarebbero circa 800.
 
 


MANIFESTAZIONE CONTRO "VENICELAND"
Un lunghissimo elenco di comitati e associazioni questa domenica in sfilata lungo le calli veneziane. Le richieste le conosciamo: via le Grandi Navi, turismo più consapevole e salvaguardia degli ormai pochi residenti rimasti in città. Una "Marcia per la dignità" che ha coinvolto i cittadini partiti da piazzale Roma, dove ci sono stati attimi di tensione per il lancio dei fumogeni dal tetto del parcheggio comunale, finiti anche su auto e bus, passaggio per strada Nova e San Bortolomio, e arrivo previsto a campo Manin.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Giugno 2018, 14:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dal parcheggio comunale piovono fumogeni: momenti di tensione a piazzale Roma
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-06-11 09:51:34
Ogni giorno e' una lotta, non si riesce a montare in vaporetto che ti trovi un muro di persone (spesso obese e sudate e maleodoranti) con un muro di valigie sull'entrata fermi a farsi foto. Se vai a Rialto a comprarti le verdure ti passa una comitiva davanti a far foto alle verze o non si sa cosa. Puoi passare sul ponte chiedendo permesso solo se i turisti ti concedono gentilmente un varco, sbuffando perche' gli interrompi il selfie. Se chiedi all' una di notte ai turisti dell'appartamento a fianco al tuo, nel frattempo divenuto B N B, di abbassare la voce ti guardano stupiti con quest'aria imperialista come se Venezia fosse loro... 'con quale faccia tosta questo Italianuccio osa chiedere a me che pago di abbassare la voce'? Il degrado e' totale completo, l'amministrazione comunale fa il gioco di multinazionali, albergatori, ristoratori, taxisti gondolieri etc - i residenti? solo lamentosi, 'avidi' (perche' adesso definiscono cosi' noi Veneziani come se ci arrivasse 1 soldo in tasca da tutto cio') anzi e' colpa dei Veneziani dicono adesso!! Alle elezioni l' unica possibilità e' una lista civica che imponga il numero chiuso e una stretta sui B N B e soprattutto sul turismo pendolare - altrimenti emigrare ...Francamente a questo ritmo non penso che in 10 anni Venezia sia piu' abitabile, nemmeno per i Veneziani piu' convinti a resistere...
2018-06-11 01:10:06
Essenda turista di lungo tempo da molti anni (nel un appartamento di vacanze legale) amo Venezia come una residente. Dico NÒ à airbnb, dico NÒ à il degrado e dico NÒ ai turisti giornalieri senza tassa di soggiorno! Invece dico Nò ai Veneziani e agli altri proprietari di case che non pagano le tasse, che vendono o affittano i loro negozi ai Cinesi e Bengalesi per fare un buon profitto veloce. Sono anche lei, che liquidano la Serenissima. Ma fumogeni sul Parcheggio Comunale, in Piazzale Roma e nelle strade non è il segno giusto. C’è inquinamento ambientale, forse danno materiale e lesione corporale contro allergichi e bambini essendi nelle strade senza possibilità di fugire. La libertà di dimostrazione è un diritto fondamentale, ma l'azionismo selvaggio non aiuta nessuno. Auguro una tassa di soggiorno anche per i turisti giornalieri e l'investimento della questa tassa nella sicurezza pubblica e nella pulizia della città; per esempio: più personale (24/24 hore) per la Polizia Municipale, più servizi igienici pubblici (24/24 hore aperti e puliti), più bidoni della spazzatura su strade e campi. Le borseggiatrici (e borseggiatori) Rom devono essere puniti più duramente ed inviati fuori dal paese in modo sostenibile. Non sono rifugiati, ma migranti criminali. Ogni borseggio è un attacco alla Serenissima ed all'Italia.
2018-06-11 01:07:47
Essenda turista di lungo tempo da molti anni (nel un appartamento di vacanze legale) amo Venezia come una residente. Dico NÒ à airbnb, dico NÒ à il degrado e dico NÒ ai turisti giornalieri senza tassa di soggiorno! Invece dico Nò ai Veneziani e agli altri proprietari di case che non pagano le tasse, che vendono o affittano i loro negozi ai Cinesi e Bengalesi per fare un buon profitto veloce. Sono anche lei, che liquidano la Serenissima. Ma fumogeni sul Parcheggio Comunale, in Piazzale Roma e nelle strade non è il segno giusto. C’è inquinamento ambientale, forse danno materiale e lesione corporale contro allergichi e bambini essendi nelle strade senza possibilità di fugire. La libertà di dimostrazione è un diritto fondamentale, ma l'azionismo selvaggio non aiuta nessuno. Auguro una tassa di soggiorno anche per i turisti giornalieri e l'investimento della questa tassa nella sicurezza pubblica e nella pulizia della città; per esempio: più personale (24/24 hore) per la Polizia Municipale, più servizi igienici pubblici (24/24 hore aperti e puliti), più bidoni della spazzatura su strade e campi. Le borseggiatrici (e borseggiatori) Rom devono essere puniti più duramente ed inviati fuori dal paese in modo sostenibile. Non sono rifugiati, ma migranti criminali. Ogni borseggio è un attacco alla Serenissima ed all'Italia.
2018-06-11 10:32:15
Ma google translator aveva problemi tecnici oggi?
2018-06-10 21:21:10
Se i fumogeni li avessero tirati dei mambrucchi i militari avrebbero immediatamente aperto il fuoco (ammesso che abbiano colpi veri nei caricatori), il garage sarebbe stato isolato e poi assaltato, come al tempo del Campanile. Invece i fumogeni (roventi) li hanno lanciati i soliti noti - i cialtroni dei centri sociali - ai quali, per ragioni che sarebbe ora di chiarire, si riconosce il diritto di delinquere e di far danni "ma solo un poco", grazie all'evidente garanzia di grandi vecchi: quelli che un tempo sedevano nel consiglio comunale di Venezia. Sarebbe ora di finirla con queste sceneggiate a scadenza fissa, neanche si trattasse della Sensa o della Vogalonga!!!