Emma al capezzale di Sissy in coma: ha tenuto la mano alla sua fan

la cantante Emma Marrone

di Raffaele Rosa

VENEZIA - La musica prova a compiere il miracolo di risvegliare Sissy. La cantante Emma Marrone ieri mattina ha fatto visita a Teresa Trovato Mazza, detta Sissy, la giovane agente di polizia penitenziaria in coma dal 1 novembre del 2016 dopo che un proiettile sparato dalla sua pistola d'ordinanza l'ha colpita alla testa mentre si trovava in un ascensore del Padiglione Jona dell'ospedale Civile San Giovanni e Paolo di Venezia. Sissy era una grande fan dell'artista pugliese. Tantissimi i video postati sui social e diffusi nei gruppi intitolati all'agente di polizia penitenziaria che lavorava in servizio nel carcere femminile della Giudecca che la ritraggono mentre canta a squarciagola le canzoni della biondissima vincitrice di Amici. 
 


Emma Marrone ha fatto visita alla sua giovane fan dopo l'appello lanciato dai familiari, che avevano chiesto alla cantante di esaudire uno dei più grandi desideri di Sissy. «Emma le ha tenuto la mano per un'ora parlandole dolcemente - ha raccontato commossa mamma Caterina a Fanpage -. È stato bellissimo...»...
  
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 21 Marzo 2018, 10:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Emma al capezzale di Sissy in coma: ha tenuto la mano alla sua fan
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-03-21 22:08:24
Non mi sono mai piaciuti i giornalisti che scrivono un panegirico come questo: un proiettile sparato dalla sua pistola l'ha colpita alla testa! Quindi un proiettile che stranamente si trovava dentro una pistola è stato sparato, da chi?, da una pistola, ovviamente, il qual proiettile l'ha colpita alla testa proprio mentre lei, l'agente di polizia penitenziaria, si trovava in un ascensore, incredibilmente in divisa da poliziotto con tanto di pistola di ordinanza. Ora, mi chiedo, tralasciando il fatto che fin dall'inizio si parlò di suicidio, come ha fatto una pistola a sparare un proiettile? Chi spara è un uomo o una donna, non un oggetto. E poi, perché montare un caso laddove un caso non c'è. Si trattò, ripeto, di suicidio.