La rivelazione: nell'appartamento di Marco e Gloria anche due amici

La rivelazione: nell'appartamento
​di Marco e Gloria anche due amici

di Marco Corazza

SAN STINO DI LIVENZA - «Nell'appartamento di Marco e Gloria erano in quattro». A comunicarlo è Gianni Gottardi, il papà del giovane architetto di San Stino di Livenza. «Marco e Gloria quando è scoppiato l'incendio stavano dormendo - spiega - me lo disse Marco al telefono. Poi erano stati chiamati dai vicini di casa che, vedendo le fiamme si erano preoccupati e avevano cercato conforto a casa dei nostri ragazzi».

GUARDA Grenfell Tower, ecco cosa resta degli appartamenti distrutti dall'incendio
 
 


LA RICOSTRUZIONE
Sembrerebbe confermato che l'allarme anti-incendio non sia entrato in funzione dal momento che i due architetti stavano dormendo, nonostante le fiamme fossero già alte, tanto da preoccupare la coppia di vicini che vivevano nello stesso pianerottolo. «Le due persone che vivevano nell'appartamento attiguo - spiega il papà - si erano rifugiate a casa di Marco e Gloria perché dal loro lato del grattacielo, il rogo aveva già raggiunto il ventitreesimo piano». Un incendio che si è sviluppato in pochi minuti ed ha avvolto, risalendo di piano in piano, tutta la Grenfell Tower. La Farnesina ed il Consolato a Londra ci hanno però comunicato che gli addetti non hanno ancora raggiunto il ventitreesimo piano per un questione di sicurezza. Quindi ufficialmente i corpi non sono ancora stati trovati e per questo non sappiamo nemmeno quando rientreranno in Italia»...
 

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Giugno 2017, 08:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La rivelazione: nell'appartamento di Marco e Gloria anche due amici
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-06-19 17:23:56
Così finirà la follia del cappotto in polistirolo che è infiammabile e brucia in soli 15 minuti. Quanti soldi si stanno sprecando in edilizia con la pantomima delle energie rinnovabili ?
2017-06-19 10:58:20
Per intanto inchiesta sul materiale usato ...corrispondenza con le leggi UK ed UE, e poi...si puo' anche andare nel penale..per i restauratori e le ditte che gestivano gli affitti .Ma pure I Vigili londinesi non sembravano provvisti sia di mezzi all'altezza dell'edificio ..sia dellle fiamme di prodotto "petrolifero" altamente combustibile.Gli Inquilini lo sapevano ed avevano protestato, ma forse essendo del popolo minore erano considerati degli "incompetenti" o tanto di spallucce ..ci saranno in qualche archivio le documentazioni , o ci saranno pure di nascosto piccoli roghi di carte compromettenti??.Intanto se guardo i grattacieli del paese, mania degli anni sessanta, calcolo se dal terrazzo sommitale si puo' scendere in corda doppia senza finestre sottostanti da cui potrebbero uscire fiammate....siamo sui 25-30 metri.si puo' fare.Ma anche un estintore a polvere per piano o casalingo, potrebbe spegnere rapidamente alla partenza delle prime fiamme.( detraibile dalle tasse? ..chissa' se tra una polemica e l'altra in parlamento ci arrivano..a queste cosucce).
2017-06-19 09:50:57
Ieri la rivelazione...oggi il particolare inedito. Domani, verosimilmente, la scoperta shock. Per il complotto, dovremmo farcela per meta settimana.