Eucarestia negata alla fedele alla messa con abito d'epoca

PER APPROFONDIRE: carnevale, eucarestia, negata, san moisè, venezia
Eucarestia negata alla fedele alla messa con abito d'epoca
VENEZIA - Il contesto: domenica scorsa, 4 febbraio, Venezia, pieno Carnevale, con la città storica soleggiata e invasa da migliaia di turisti e curiosi provenienti da ogni parte del mondo, ma anche di tante persone che amano mascherarsi e sfoggiano, per l'occasione, preziosi e ricercati abiti d'epoca. Il luogo: la chiesa di San Moisè, nel campo omonimo, a pochi passi da Piazza San Marco, edificio sacro che ospita tra gli altri alcuni capolavori del Tintoretto e di Palma il Giovane. I protagonisti: il sacerdote celebrante la santa Messa domenicale (in sostituzione dell' assente don Roberto Donadoni, apprezzato parroco di San Moisè) e una fedele italiana che, dato il clima carnascialesco veneziano, partecipa alla celebrazione religiosa in costume. Non un banale e irriverente mascheramento, bensì un ricco e lungo abito blu d'epoca impreziosito da inserti d'oro, sobriamente accollato e corredato da mascherina, parrucca e cappellino coordinati. Nulla lasciato al caso, insomma. Però quando arriva all'altare per ricevere l'eucarestia il parroco gliela nega.


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 6 Febbraio 2018, 09:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Eucarestia negata alla fedele alla messa con abito d'epoca
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 46 commenti presenti
2018-02-08 15:16:46
Provi ad entrare vestito da mamelucco in una moschea e vedi che ti dicono... Il carnevale è una festa che a differenza delle altre è rimasta legata alle sue origini pagane ed è sempre stata malvista dalla chiesa in quanto si eccede in bagordi prima del periodo pasquale, andare in chiesa mascherati è per la religione cristiana cattolica una grave manacanza di rispetto e non c'entra nulla la sobrietà, visto che anche solo portare il cappello, per gli uomini, è considerata mancanza di rispetto, il diavolo è colui che ha bisogno di mascherarsi, questo pensa la cultura cattolica - nota bene ciò non vuol dire che sia d'accordo, sono sempici constatazioni, in Chiesa non si entra mascherati punto, è sempre stato cosi.
2018-02-07 07:31:39
Il prete ha ragione al 100%. In una città turistica come Venezia, all'entrata di ogni chiesa vi è un cartello dove è espressamente vietato entrare conciati in maniera indecorosa. Penso li abbiamo visti tutti. Quindi se non sei d'accordo te ne stai fuori. Ma siccome la cultura (cultura??) contemporanea porta qualsiasi individuo ad infischiarsene delle regole altrui e fare come gli pare in casa d'altri, questi sono i risultati. L'altro ieri mi è entrato in negozio un tipo (italiano, e di una certa età) abbigliato da ciclista, per chiedermi dei prezzi: non si è nemmeno tolto casco e bandana. Facevo fatica a capire cosa volesse. Siccome non sono tempi, mi sono morso la lingua, in altri periodi l'avrei accompagnato alla porta. La maleducazione dilaga.
2018-02-07 13:16:50
definisci indecorosa per favore ! ah non era Gesù quello che era amico di prostitute lebbrosi peccatori assassini ecc ecc e ha scacciato i mercanti dal tempio ? ...p.s. casco e bandana non impediscono di parlare ...
2018-02-07 17:19:26
Appunto. Ha scacciato i mercanti dal tempio perché era indecoroso che stessero lì, erano inappropriati alla sacralità del luogo esattamente come una persona in maschera da Carnevale.
2018-02-07 19:30:30
Guardi troppi reality...