Punta ai fagiani, centra la camera di due bambini di 5 e 3 anni

PER APPROFONDIRE: caccia, incidenti, martellago
La casa centrata dai pallini del cacciatore

di Nicola De Rossi

MARTELLAGO - Puntava ai fagiani, ha centrato la camera di due bambini di 5 e 3 anni in una casa di campagna. L'incredibile incidente è avvenuto sabato mattina in una casa di campagna  di via Morosini a Martellago.
La padrona di casa ha sentito un rumore secco mentre riordinava la camera dei bambini, al primo piano della casa. Dal Velux di una finestra è caduta una rosa di pallini sparati da un cacciatore. Quest'ultimo, avendo capito di averla fatta grossa, avrebbe cercato di fuggire con l'auto parcheggiata poco lontano ma è stato bloccato.
Sul posto sono intervenuti i Carabinieri che lo hanno identificato e multato per avere cacciato a una distanza inferiore a cento metri, come previsto dalla legge.
Tutti gli approfondimenti sul Gazzettino in edicola domani, lunedì 13 novembre
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 12 Novembre 2017, 15:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Punta ai fagiani, centra la camera di due bambini di 5 e 3 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 62 commenti presenti
2017-11-14 16:21:23
Ben pochi cacciatori rispettano la legge. A me venivano a sparare a 50 m da casa e se protestavo mi minacciavano pure. Tutti uguali. Arroganti e prepotenti. Non basta punirne uno colto il flagrante. La caccia libera va fermata e chiusa entro riserve speciali.
2017-11-13 17:24:03
.. l'inquinamento e la distruzione dell'ambiente naturale portano al genocidio. se cacciare significa uccidere allora siamo tutti cacciatori . e della peggior specie..
2017-11-13 12:47:59
Solo se dentro in casa ci fosse stata una famiglia di immigrati sarebbe stato indagato per tentato omicidio? Qui solo una multa?
2017-11-13 12:38:13
... il territorio veneto è il più disastrato dell'intero paese.. in realtà gran parte delle strutture in aree agricole sono " legalmente abusive " in quanto di natura ed uso diverso da quello rurale.. tale contesto non solo non permette la caccia che comunque è ininfluente al fine della tutela animale ( questi sono già da tempo morti per altri motivi ) ma neppure il governo ambientale in senso lato per evidenti ragioni di frazionamento degli spazi stessi ormai cannabilizzati tra capannoni e residenze che nulla hanno a che vedere con le tradizioni rurali di un tempo. l'esempio più eclatante è dato dalle centinaia di bellissime strutture in mattoni con stalle e fienile annessi abbandonate in tutta la pianura circondate da tre o quattro villini senz'anima ne bellezza. la caccia ( antica scintilla ancestrale che l'uomo si porterà dentro per sempre ) in questo contesto di decadenza generale è solo una vittima..
2017-11-13 11:20:57
Gentile tegoina, tra i due non c'è nessuna differenza. E aggiungo che al mondo, di questi, ce ne sono sempre troppi. La sua domanda pertanto non ha alcun senso.