Mercoledì 11 Luglio 2018, 09:42

Blitz in zona stazione, smantellato il clan dei nigeriani e dell'eroina killer

Smantellato clan dei nigeriani ed eroina killer

di Davide Tamiello

MESTRE - La piovra nera aveva iniziato ad allungare i tentacoli sulla città molto tempo fa. In principio era la prostituzione, vero cavallo di battaglia per i nigeriani in via Fratelli Bandiera. Il clan, poi, ha capito che dova cambiare business per ampliarsi: i soldi della prostituzione, così, sono stati reinvestiti nella droga.

MARTEDì IL MAXI BLITZ A MESTRE Quartiere Piave blindato: 500 agenti a caccia di pusher e droga /Guarda
CITTADINI ESASPERATI - GUARDA IL VIDEO
 
 

Creando, poco a poco, un vero e proprio impero in città. I rivali, i tunisini, hanno retto per un po', confinando i nigeriani alla zona di via Trento. Ma non sono durati a lungo: nella faida hanno perso partita e controllo. I nigeriani, infatti, sono affaristi lucidi, non come i nordafricani, che oltre a spacciare l'eroina la consumano. Arginati i rivali, il clan nigeriano ha cominciato a prendere possesso della città. Stroncando sul nascere, soprattutto, la concorrenza. 
Come? Con la qualità della merce.

IL VIDEO UFFICIALE DELL'OPERAZIONE - GUARDA
LEGGI ANCHE Un anno di intercettazioni e agenti sotto copertura

Da aprile del 2017, infatti, erano riusciti a mettere le mani su una partita di eroina gialla: un principio attivo 35 volte più potente del normale.
 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Blitz in zona stazione, smantellato il clan dei nigeriani e dell'eroina killer
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 63 commenti presenti
2018-10-11 11:10:52
Se si consuma l'Eroina si muore. Non è mica una novità. Il tossico lo sapeva. Fine.
2018-07-12 17:58:38
i posti vacanti sono già occupati, non vi preoccupate, quelli arrestati non sono necessari, altri mille sono già pronti per essere assunti a tempo indeterminato.
2018-07-12 10:40:52
Siamo comunque in forte ritardo. Basta andare a ritroso nel tempo e trovare tutti gli articoli e le denunce da parte di cittadini e commercianti esasperati, e il grido d'allarme lanciato da un certo don Fausto Bonini. Quindi, questa operazione è sicuramente in ritardo di almeno tre/quattro anni che avrebbero risparmiato paure, disagi, insicurezze e morti, visto che Mestre è diventato uno dei centri di spaccio più grossi d'Italia. Quindi, ora si potranno pure gonfiare petti e ci si potrà vantare; ma rimane l'inefficienza dimostrata a livello nazionale e a livello locale.
2018-07-12 07:12:12
A Venezia ho visto che veniva nascosto un sacchettino in uno dei tanti fori che utilizzano. Ho chiamato i vigili che mi hanno risposto che avevano da fare (cosa non si sa). Poteva esserci di tutto in quel sacchettino, dagli elicotterini alla droga all'esplosivo.
2018-07-11 20:22:56
complimenti alle forze dell'ordine, ma quanti microsecondi passeranno prima che un nuovo clan subentri nella gestione del business? resta solo da scommettere sulla provenienza dei prossimi padroni di Mestre. chi saranno? slavi, sudamericani o di nuovo africani?