Apre a Venezia Axel Hotel, il primo albergo gay friendly d'Italia

PER APPROFONDIRE: axel hotel, gay, venezia
Apre a Venezia Axel Hotel, il primo albergo gay friendly d'Italia
VENEZIA - Axel Hotels, la prima catena di hotel del mondo rivolta alla comunità Lgbti (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali), annuncia la prossima apertura dell'Axel Hotel Venezia per il prossimo 15 Marzo, che rappresenta la sua prima inaugurazione nel mercato italiano.

Questo hotel si aggiunge alle due aperture previste dalla catena per questo 2019: l'AxelBeach Miam ie l'Axel Hotel San Sebastián. Storia, arte e stile caratterizzano Axel Hotel Venezia, vicino al Rio della Fornace, tra la Basilica di Santa Maria della Salute e il museo Peggy Guggenheim. Si tratta di un edificio storico in stile tipico veneziano situato nel sestiere di Dorsoduro, punto di incontro degli artisti negli anni della «dolce vita» veneziana e a soli quindici minuti a piedi dalla famosa piazza San Marco passando dal ponte dell'Accademia.

La sua ubicazione è strategica, infatti è vicinissimo alla Stazione Santa Lucia e a Piazzale Roma, da cui si può raggiungere facilmente l'aeroporto Marco Polo. Sonders and Beach Group sarà partner in Italia di Axel Hotels per i servizi turistici LGBTQ.

«È un progetto che si concretizza - commenta Alessio Virgili CEO Sonders and Beach Group Italia - con Axel Hotels, per la loro prima apertura in Italia, a Venezia. Il nostro Gruppo, Sonders&Beach Italy, sarà partner strategico in Italia grazie al know how del mercato italiano. Da oltre 15 anni combatto affinché l'Italia sia destinazione privilegiata per il turismo LGBTQ. È stato complicato, ma oggi finalmente possiamo vedere i risultati, non ultima la vittoria di Milano come sede della Convention mondiale IGLTA sul Turismo LGBT. Oggi mi sento doppiamente orgoglioso di questo primo opening sia come Italian IGLTA Ambassador e sia come Presidente di AITGL». Il futuro hotel, completamente rinnovato nel 2017, disporrà di 55 camere, di cui 12 verranno aggiunte a Giugno nell'edificio accanto collegato a quello principale, molte delle quali con vista sul canale, equipaggiate e decorate nello stile dei palazzi storici di Venezia che conservano il loro fascino senza tempo. Tra gli spazi comuni ci sarà un Lounge Bar nel lobby, una terrazza con vista sul canale e uno spazio per la prima colazione che fu luogo di ritrovo dell'effervescente vita culturale veneziana degli anni '60. Uno spazio dedicato al fitness e wellness sarà realizzato per l'estate, un must per qualsiasi cliente Axel. L'azienda prevede di aprire 10 nuovi hotel nei prossimi 4 anni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 20 Febbraio 2019, 19:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Apre a Venezia Axel Hotel, il primo albergo gay friendly d'Italia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2019-02-23 09:47:48
Sinceramente non capisco, non è che negli hotel classici le coppie gay vengano rifiutate anzi! Sono quelle che spendono di più e disturbano meno. Non c è bisogno di fare distinzioni
2019-02-21 18:05:19
Comunque, caro cronista, effettivamente ci sono solo 15 minuti a piedi tra la Salute e e Piazza San Marco, ma solo per una settimana , quando c'e' il ponte votivo. Per il resto dell'anno ci metti almeno mezzora di buon passo, visto che devi fare il giro per l'Accademia, Santo Stefano, San Maurizio, Madonna del Giglio, ecc.
2019-02-21 17:50:05
Cio' che non comprendo e' come questa iniziativa possa essere spacciata per una conquista sociale (almeno questo e' cio' che vuol dare ad intendere l'articolo), non credo che la differenza di orientamento sessuale necessiti di strutture speciali. Questa ostentazione di amicizia da parte di imprenditori attenti, come e' giusto, agli affari, secondo me non fa che sottolineare inesistenti diversita', anziche' dimostrarne l'assoluta infondatezza.
2019-02-21 10:44:58
Tra breve i sit in dei baciapile e gli anatemi di pillon
2019-02-21 10:06:19
Che bisogno c'era? non mi risulta che a Venezia ci siano stati episodi di discriminazione negli hotel verso i gay. A me darebbe l'impressione di un "ghetto".