Addio con rabbia al patron Aprilia: «Beggio abbandonato dalle banche»

Addio con rabbia al patron Aprilia:
«Beggio abbandonato dalle banche»

di Francesco Antonini

Riconoscenza, gratitudine, affetto. L'hanno detto senza bisogno di aprir bocca, i cinquecento che ieri si sono radunati davanti alla rocca di Noale per salutare un'ultima volta Ivano Beggio. Ma accanto a questi nobili sentimenti ne è spuntato un altro, più amaro: il rimpianto per il prematuro epilogo della carriera imprenditoriale dell'uomo che ha fatto grande l'Aprilia.

LEGGI ANCHE Morto Beggio, storico presidente dell'Aprilia: con lui divenne internazionale

È stato Luigi Brugnaro a dire a voce alta quello che tanti pensano, a giudicare dal vigoroso applauso che ha fatto seguito alle sue parole: «Ivano ha costruito un impero - ha ricordato il sindaco metropolitano - ma poi qualcuno gliel'ha portato via». Il riferimento è «alle banche che non l'hanno certo aiutato», come aveva detto Brugnaro prima della cerimonia. In poche frasi, facendo sforzi per non cedere alla commozione, il sindaco-imprenditore ha riassunto un'intera carriera con le sue vittorie e sconfitte: «Beggio ha creato migliaia di posti di lavoro senza ricevere un euro di soldi pubblici e ha voluto salvare la Guzzi con un atto d'amore, anche se io a quei tempi gliel'avevo sconsigliato: ma lui era un uomo che inseguiva i sogni»...
 
 

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 17 Marzo 2018, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Addio con rabbia al patron Aprilia: «Beggio abbandonato dalle banche»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-03-17 19:02:45
Brugnaro? Poveri noi.
2018-03-17 15:53:39
Forse nessuno ricorda che il veneto e la piccolamprovincia a quel tempo non veniva menzionata da nessuno, i politici ci reputavano dei polentoni e lui ha portato la ns regione al centro delle cronache mondiali con le vittorie dell aprilia. È entrato nel motomondiale per passione e non per acquisire visibilità a fini pubblicitari come gli attuali propietari. Certo, le banche non potevano dare credito ad un visionario idealista perché non era sostenuto dalle amicizie politiche che tutto governano e tutto distruggono
2018-03-17 14:26:11
...tra gli anni '80 e '90 ha creato qualcosa di inimmaginabile, mi ricordo che un dirigente disse "siamo grandi come la portineria dell' Honda eppure li abbiamo battuti" provate solo ad immaginare come in una sola vita si possa creare dal nulla quello che ha fatto lui e non solo in pista ....
2018-03-17 13:25:42
se la popolare di vicenza invece di dare 65 milioni a zamparini per un progetto che non è neppure iniziato li dava ad aprilia avrebbero messo in salvo la fabbrica e probabilmente li avrebbero anche restituiti. cosa che zamparini non ha fatto. ed ho citato zamparini perchè è il maggior creditore, ce ne sono molti altri nella sua situazione e nessuno si sogna nemmeno di chiedergli qualcosa.
2018-03-17 13:12:09
Burocrati, dipendenti statali, politici, inginocchiatevi ad un grande imprenditore che, a differenza vostra che avete creato il nulla, ha dato decoro e futuro a migliaia di famiglie.