Venerdì 18 Gennaio 2019, 09:16

Quattro palloni sotterranei e la Basilica di San Marco resta asciutta

PER APPROFONDIRE: acqua alta, basilica, palloni, san marco
Quattro palloni sotterranei e la Basilica di San Marco resta asciutta

di Nicola Munaro

VENEZIA - La «grande ammalata» come l'ha chiamata in maniera affettuosa il primo procuratore di San Marco Carlo Alberto Tesserin, era troppo importante per essere lasciata senza cura. Per essere messa alla mercé non solo delle grandi inondazioni - come l'Aqua Granda del 4 novembre 66 o i 156 centimetri del 29 ottobre scorso - ma anche di tutte quelle medie maree che per duecento giorni all'anno mandavano sott'acqua il nartece della Basilica di San Marco. E con il sale corrodevano i mosaici bizantini della pavimentazione, arrivando ad intaccare anche l'arazzo di marmi che ricopre le pareti dell'ingresso della Basilica, più basso del resto di un edificio costruito su quote diverse e attaccato non solo dall'acqua che letteralmente allaga i pavimenti dalla riva, ma anche da quella salmastra che risale dal terreno e dai gatoli, la rete di cunicoli sotterranei usati per far defluire le acque nei rii.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Quattro palloni sotterranei e la Basilica di San Marco resta asciutta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-01-18 20:34:09
tanta parole,parole,parole. e il MOSE dove lo mettiamo.
2019-01-19 10:55:43
Il Mose con l basilica di San Marco non c'entra. Non è stato progettato per evitare che la basilica si allaghi.
2019-01-18 12:38:52
Ma oltre che dall'acqua alta che periodicamente entra in basilica, non sarebbe il caso di preservarla pure dalla quotidiana invasione della marea umana dei visitatori?