Urla disperate dall'ex caserma: ventenne tentava di violentare una 40enne

PER APPROFONDIRE: ex caserma piave, stupro, udine
Urla disperate dall'ex caserma: ventenne tentava di violentare una 40enne
UDINE - Tenta di violentare una donna in una caserma dismessa a Udine ma la polizia sente le urla della vittima e la salva. Per questo motivo un giovane, cittadino afghano, di 20 anni, è stato arrestato dalla Polizia per violenza sessuale. L'episodio è accaduto ieri pomeriggio all'interno dei locali dismessi dell'ex caserma Piave.

Il personale del Reparto prevenzione crimine di Padova era entrato nella struttura per eseguire un controllo su un altro giovane afghano, 23 anni, inosservante del divieto di ritorno in città che tentava di dileguarsi. Una volta all'interno, gli agenti hanno sentito le forti richieste di aiuto della vittima, una cittadina italiana di circa 40 anni, e l'hanno raggiunta per soccorrerla. La vittima era stesa a terra e lo straniero stava già tentando di abusare di lei. I poliziotti hanno bloccato il giovane afghano e, raccolta la denuncia della vittima che era stata attirata nella struttura con un inganno, lo hanno arrestato e condotto in carcere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 14 Febbraio 2019, 12:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Urla disperate dall'ex caserma: ventenne tentava di violentare una 40enne
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 80 commenti presenti
2019-02-15 15:20:15
Si...si..., va ben, ma questa italiana dove vive, nel mondo dei sogni? Ma è mai possibile che ci siano donne che si fidano di questi delinquenti, li seguono poi da sole in luoghi che tutti più o meno sanno che sono diventati malfamati? Attratta con l'inganno... a meno che non sia deficiente, non ci credo.
2019-02-16 19:35:21
L'inganno consiteva nel dire che avrebbe pagato, ma non aveva un soldo...
2019-02-15 15:07:40
Signor Demetan, gli stupratori, delinquenti, spacciatori italiani, in quanto italiani, dove vuole che vadano? Dobbiamo tenerceli. Quelli extracomunitari non dovrebbero nemmeno mettere piede nella comunità europea in quanto extracomunitari, se non muniti di regolari documenti e permessi. Allora come la mettiamo? Se li porta a casa lei? O in parrocchia? O a casa dei radical chic? Dai, quando è da tenerseli, non siete d'accordo, parlate di accoglienza, ma a carico degli altri!
2019-02-15 16:48:40
Si dai aspetta un attimo che fermiamo il mondo, raccogliamo tutti i 60 e passa milioni di migranti in giro, oggi, per il pianeta li carichiamo su uno Shuttle e li spediamo su Marte. Ma suvvia siamo seri per favore. Chi viene qui per delinquere va fermato e rispedito a casa su questo non ci piove. Chi viene qui e non delinque mi spiace per lei ma solo per il fatto di parlare una lingua straniera e di avere la pelle di colore diverso dal suo ha tutti i diritti/doveri che garantisce la nostra Costituzione che ha, glielo dico da italiano, valore universale! Altro che sequestrare la nave Diciotti con italiani e stranieri a bordo, per la miseria!!!
2019-02-16 19:41:58
La Diciotti e' una nave militare. Gli italiani a bordo sono militari, gli ordinano di salpare salpano, se gli ordinano di restare in porto restano, se gli vietano di scendere a terra, restano a bordo. Sono sempre sotto sequestro. Gli altri no, come me quando rientro nel territorio di Shenghen devono aspettare il tempo che le autorita' di frontiera ritengono necessario prima di varcare il confine. O l'ora di fila in aeroporto devo considerarlo un sequestro di persona?