Nuovo caso sospetto di tubercolosi. Badante ricoverata in ospedale

PER APPROFONDIRE: tbc, trieste, udine
Nuovo caso sospetto di tubercolosi  Badante ricoverata in ospedale

di P.T.

UDINE e TRIESTE - È ricoverata dalla serata di martedì 11 luglio nel reparto malattie infettive dell'ospedale di Udine per sospetta tubercolosi, una donna che era stata badante di un parente stretto della pediatra di Trieste che, non sapendo di essersi ammalata di tbc, aveva continuato a lavorare. Non è detto comunque che vi sia un legame tra le due vicende, a distanza di parecchi mesi l'una dall'altra.

La donna presentava i sintomi di una polmonite resistente alla terapia standard per cui il medico che l'aveva in cura ha disposto ulteriori accertamenti. Dalla tac al torace è emerso un quadro di sospetta tubercolosi e la donna è stata ricoverata in ospedale. Le sue condizioni non destano preoccupazioni. «Per ora - ha spiegato il direttore della clinica di malattie infettive dell'azienda ospedaliero universitaria di Udine, Matteo Bassetti - si tratta solo di un sospetto caso di tubercolosi. Sono stati raccolti i campioni e sono in corso le analisi. Avremo modo di avere dati certi nelle prossime 48 ore. Se sarà confermato un caso di tbc bacillifera, potenzialmente infettante, partiranno tutti gli accertamenti per capire cosa è successo e se c'è bisogno di fare una nuova profilassi». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 13 Luglio 2017, 08:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nuovo caso sospetto di tubercolosi. Badante ricoverata in ospedale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-07-13 16:22:28
In Est Europa la tbc e' ancora presente e mal o per niente curata, ai tempi del'urss venivano solo isolati in strutture apposite! Spesso sono portatori sani. Sempre che sia dell'est... Forse hanno trovato da dove tutto e' iniziato?
2017-07-13 09:06:35
Non e' il primo caso che sento: vengono per assitere, finiscono per aver bisogno di assistenza da parte di chi le ha assunte.