​La "Casa delle 100 finestre", un gioiello degli "esuli" toscani in fuga dalla peste

PER APPROFONDIRE: dimore storiche, mione, ovaro, piccoli borghi
​La "Casa delle 100 finestre", un gioiello degli "esuli" toscani in fuga dalla peste

di Paola Treppo

OVARO (Udine) - Ha 107 finestre, 4 piani e domina la vallata di Ovaro, Palazzo Micoli Toscano, una storica residenza realizzata agli inizi dell’Ottocento dai discendenti di una famiglia fuggita dalla Toscana del 1200 a seguito della peste e che si era stabilita nella frazione di Mione, sulle montagne della Carnia. Laboriosi, imprenditori, i Toscano, che nel tempo, per nozze, si imparentarono con la famiglia Micoli, del posto, avviarono subito delle attività. Prima un’osteria, in paese, e poi la grande azienda: un’impresa boschiva per lo sfruttamento e la vendita di legname, con tanto di segheria, dipendenti e notevoli introiti. Così, da una fuga disperata alla ricerca di aria buona, i Toscano si arricchirono e costruirono una prima casa, in stile tipico carnico; era il 1300.

Nei secoli, poi, la famiglia, decise di edificare un palazzo nuovo, capace di mostrare a tutti la sua agiatezza; una dimora nuova, ispirata alle ville venete ma integrata comunque nel contesto dell’architettura alpina. Nasce così la splendida “Casa dalle 100 finestre”, nota per il gran numero di aperture su tutti e quattro i lati dell’edificio. Una scelta decisamente inusuale perché in montagna le finestre sono sempre poche e piccole, per mantenere il calore.

Anche il tetto, coperto di pianelle invetriate, era originale per i tempi, soprattutto per il colore, verde, proprio delle sole chiese e in generale degli edifici di culto, ancora oggi. Per la sua costruzione, su progetto di un noto ingegnere civile dell’epoca, la famiglia impiegò parte dei materiali della prima casa, quella trecentesca, che demolita su un lato, per dare spazio e respiro al Palazzo. La Casa delle 100 finestre è stata abitata di fatto ininterrottamente dagli inizi del 1800 fino a oggi, sempre dalla stessa famiglia, mai passata di mano.

Adesso è abitata da un insegnante, in pensione solo da pochi giorni, Alberto Burgos, genovese di origini, per anni residente a Firenze, città da cui si è trasferito 25 anni fa con la moglie, friulana, per vivere a Mione. La coppia si occupa da sola della casa, che apre su richiesta per brevi visite, contattando la pro loco di Ovaro. L’edificio racconta la storia di questa ricca famiglia che conta, tra i suoi membri diversi personaggi illustri, tra sacerdoti, scienziati, letterati e anche donne rivoluzionarie come Luigia Toscano Linussio. Il piano a terra, cui si accede dal giardino, conta una grande cucina con fogolar, una sala biblioteca e un salottino, tutto arredato con mobili d’epoca. Infondo al salone di ingresso un balcone da cui si gode un panorama unico sulla vallata. Un palazzo, insomma, fatto per vedere e per essere visti.  
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Settembre 2017, 12:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​La "Casa delle 100 finestre", un gioiello degli "esuli" toscani in fuga dalla peste
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-13 12:15:12
Con un poco di cretivita' ed iniziativa , ci si puo' anche ricavare un reddito.Magari come location di film, matrimoni, mostre...