Notte da incubo a Lignano: case e ristoranti allagati, strade come fiumi

PER APPROFONDIRE: allagamenti, latisana, lignano, maltempo
Notte da incubo a Lignano: case e ristoranti allagati, strade come fiumi

di Paola Treppo

LIGNANO e LATISANA (Udine) - Vasti allagamenti a Lignano con decine e decine di chiamate ai vigili del fuoco. Strada e locali pubblici sott'acqua dalle 23.30 di ieri e fino a questa mattina di lunedì 11 settembre. Il maltempo si è concentrato nella zona della costa dove le precipitazioni sono state molto intense. Viabilità in tilt e gravi disagi per le attività commerciali, gli esercizi pubblici, bar, negozi, ristoranti, alloggi per vacanza al primo piano.
 
 


Oltre 130 interventi dei vigili del fuoco 
Nella notte i pompieri sono riuscuti a far fronte a 75 interventi e alle 7.30 di questa mattina ne restavano da smaltire ancora 50. A supporto dei vigili del fuoco del Comando di Udine anche due squadre del Comando di Gorizia. Nessuno si è fatto male; gli immobili allagati non sono stati sgomberati ma residenti e turisti sono comunque usciti in strada. Servono pompe idrovore molto potenti per liberare dall'acqua gli edifici "a mollo". Sul posto stanno operando anche i volontari della Protezione civile della squadra locale di Lignano. ​Nel corso della notte, quattro squadre comunali di Protezione civile hanno operato in particolare con 40 volontari per allagamenti ai piani bassi di abitazioni a Lignano Sabbiadoro a seguito dei temporali che hanno interessato in tarda serata in particolare i comuni di Lignano e Latisana

Danni anche a Grado
Il vento, associato a un fronte temporalesco, ha causato, nella nottata di ieri, danni ingenti anche nel comune di Grado, tutti localizzati nella zona compresa fra il Palacongressi e il Palasport: divelti alcuni gazebi, cabine, tettoie e la copertura del tendone del tennis club. Sempre ieri cadute di alberi a Udine, Pagnacco e Martignacco. Una caduta massi è stata segnalata anche nel comune di Prepotto.

Alberi su una villetta a Povoletto 
La situazione più grave a Primulacco di Povoletto dove, nella notte tra sabato e domenica, il forte vento ha causato la caduta di diversi grossi alberi su una villetta che sorge in via Casali Gentilini. Gravi i danni all'abitazione, anche al tetto, tanto che i pompieri l'hanno dichiarata inagibile. L'unico abitante, un pensionato, che per fortuna non è rimasto ferito, è stato accolto a casa della figlia. Di fronte alla villetta il vento ha spaccato anche un deposito di legno per gli attrezzi. Sempre nella frazione di Primulacco, e sempre nella notte, tre case sono state danneggiate da forti raffiche di vento: sul tetto una di queste è caduto il comignolo; nel deposito di fronte, parte del tetto è stato scoperchiato. In altri due edifici attigui sono volate via le lamiere metalliche poste a protezione di una copertura e i coppi di un grande deposito attrezzi che sorge lì accanto. I vigili del fuoco del Distaccamento di Cividale del Friuli hanno messo in sicurezza parte dei tetti con l'impiego di un'autoscala.

Sempre a causa dei violenti temporali, a Prepotto la caduta di massi ha causato l'interruzione di alcune strade.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Settembre 2017, 09:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Notte da incubo a Lignano: case e ristoranti allagati, strade come fiumi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-12 14:27:49
.......ormai distribuiranno nelle scuole......"l'importante e' saper nuotare"........!