Lunedì 8 Ottobre 2018, 12:09

Malattia di Lyme, è allarme. Centinaia di pazienti in Friuli Venezia Giulia

PER APPROFONDIRE: friuli, malattia di lyme, zecche
Malattia di Lyme, è allarme. Centinaia di pazienti in Friuli Venezia Giulia

di Lisa Zancaner

UDINE La malattia di Lyme è diffusissima in Friuli Venezia Giulia con centinaia di casi, basti pensare che il primo isolamento italiano del germe responsabile è avvenuto a Trieste nel 1987. Sebbene sia considerata una malattia rara, la nostra regione fa eccezione, assieme a Liguria e provincia autonoma di Trento. Attualmente alla clinica udinese è ricoverato un paziente con meningite da Lyme e sono circa un paio al mese i casi che arrivano «con forme invasive del cervello o delle articolazioni, ma sono una minoranza rispetto ai casi in forma iniziale che è molto blanda», spiega l'infettivologo Matteo Bassetti. Provocata dal batterio Borrelia burgdorferi, la malattia è veicolata dalla puntura delle zecche. La diffusione in Friuli Venezia Giulia è legata alla conformazione geografica, alla presenza di montagne, boschi, agricoltura e tanti animali selvatici. Il tutto contribuisce a rendere il Fvg l'habitat perfetto per la zecca e quindi anche per la Borrelia che può colonizzare queste zecche. Essendo rara, almeno nel
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Malattia di Lyme, è allarme. Centinaia di pazienti in Friuli Venezia Giulia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-10-09 10:54:25
quello che è esecrabile è la non sufficiente informazione alla plebe. Rammento ancora una volta che quando si tennero campionati di calcio in austria e svizzera, nella home page campeggiava l'alert vs le zecche! Per sapere come stiamo può essere d'aiuto consultare siti sloveni e austriaci. Rammento inoltre che un libercolo sulle zecche le indicava quali insetti. A mio avviso tendono DA SEMPRE a minimizzare per evitare contraccolpi turistici. La sensazione deriva da un convegno (ristretto) nel 1995 o 96 e dalle rassicurazioni (ma che vuole che sia..) di un'operatrice sanitaria, alla quale risposi (come spesso mi accade) per le rime, trattandosi di un bambino piccolo. Non ebbe nulla da dire, ne sapeva ( o fingeva) meno di me.
2018-10-08 15:58:35
Esiste un vaccino? E allora fatelo fare a tutti quelli a rischio.
2018-10-08 21:43:10
no, per la malattia di Lyme non c'è vaccino, ma di norma solo terapia antibiotica. Per l'encefalite invece (TBE, altra malattia veicolata dalle zecche, e parecchio più subdola e pericolosa) il vaccino esiste, ed è raccomandato per chi frequenta aree a rischio. In FVG è passato gratuitamente del servizio sanitario.
2018-10-08 14:25:38
Se non e' morbillo, non interessa a nessuno.