Cartellino timbrato e poi con l'auto della Regione al Casinò in Slovenia

Cartellino timbrato e poi con l'auto  della Regione al Casinò in Slovenia

di Paola Treppo

GORIZIA - Quattordici avvisi di conclusione indagine sono stati notificati nella mattinata di oggi, martedì 17 aprile, a 14 dipendenti regionali del Friuli Venezia Giulia indagati nell'operazione "Fuori servizio" dei carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Gorizia. Le ipotesi di reato sono truffa ai danni di ente pubblico e false attestazioni di presenza.

L'indagine parte del 2017
Già il 6 luglio dello scorso anno, i militari dell’Arma di Gorizia avevano notificato 6 provvedimenti cautelari di interdizione assoluta per 8 mesi dall’esercizio dei pubblici uffici a carico di alcuni dipendenti regionali che svolgevano la loro attività lavorativa nella sede distaccata di Gorizia della Regione Fvg.

Pizzicati altri 8 furbetti 
Solo la ricostruzione completa di quanto emerso dalla visione delle telecamere nascoste posizionate all’interno degli uffici regionali e l’analisi della documentazione, acquisita nel contesto della prima tranche dell’indagine, hanno poi reso possibile agli investigatori dell’Arma e alla Procura di raccogliere gli elementi necessari al successivo coinvolgimento degli altri 8 dipendenti regionali.

Osservazione e pedinamento
Il primo provvedimento cautelare era stato emesso a suo tempo dal Gip del Tribunale di Gorizia su richiesta della Procura della Repubblica ed era il frutto delle complesse e articolate indagini, condotte dal Nucleo investigativo dell’Arma goriziana, comandato dal tenente colonnello Pasquale Starace, protrattesi per circa 8 mesi, dall’aprile al dicembre 2016, e sviluppatesi con numerosi servizi di osservazione e pedinamento degli indagati, monitorati durante l’intero arco della giornata lavorativa, per più mesi.

Niente lavoro: shopping e scommesse
Dopo aver obliterato il cartellino, invece di recarsi e restare sul posto di lavoro, gli indagati si allontanavano, chi per fare shopping e spesa, uscendo dagli uffici da una porta secondaria, chi per recarsi al bar o in agriturismi a degustare vino e chi, espatriando, per raggiungere ristoranti e centri commerciali della vicina Slovenia. C'era anche chi tentava la fortuna in centri scommesse usando in alcuni casi anche l’auto di servizio. Qualcuno ha anche usato l'auto di servizio per andare a giocare al Casinò in Slovenia e chi ha trascorso  l'intera giornata agli stand della manifestazione culinaria «Gusti di frontiera».

A casa o a far festa 
Non mancava nemmeno chi timbrava il cartellino per sé e per il collega di turno e nemmeno chi abbandonava l’ufficio a metà giornata senza registrare nulla per andare a casa e rientrare direttamente il tardo pomeriggio, solo per timbrare ufficialmente l’uscita. Uno dei dipendenti durante la manifestazione di Gorizia Gusti di frontiera, dopo aver obliterato il suo badge per documentare l’inizio della giornata lavorativa, è stato poi ripreso allontanarsi dal luogo di lavoro per fare tappa nella gran parte degli stand dislocati lungo le principali vie del capoluogo isontino.

Il danno patrimoniale e le accuse
Il danno patrimoniale causato alla Regione Friuli Venezia Giulia da ciascuno degli indagati, col loro comportamento, è di qualche migliaio di euro. Truffa ai danni della Regione Friuli Venezia Giulia e false attestazioni di presenza i reati contestati ai 6 dipendenti regionali; a tre di essi è stato contestato anche il reato di peculato d’uso per l’improprio utilizzo dell’autovettura di servizio.

Oggi i carabinieri hanno notificato gli avvisi di chiusura indagine non solo ai 6 dipendenti a suo tempo colpiti dall’iniziale interdizione dai pubblici uffici ma anche a ulteriori 8 dipendenti che, in diversa misura e in diversi tempi, si erano anche loro resi responsabili delle stesse violazioni di legge. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 17 Aprile 2018, 11:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cartellino timbrato e poi con l'auto della Regione al Casinò in Slovenia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 80 commenti presenti
2018-04-18 19:29:45
La (in)giustizia italiana fara' il suo corso, e il Geom. Glessi ringrazia, ha ha ha
2018-04-18 13:19:36
Fioraio, Franco-TV, Enricobohh e altri. È così che ringraziate la mia lealtà e magnanimità?
2018-04-18 12:17:47
Il cartellino é una cosa ormai obsoleta, ci vorrebbe il riconoscimento digitale dell'impronta della mano
2018-04-18 11:01:39
Per forza continuerà cosi e sara' anche peggio,ossia tutti diranno se mangiano gli altri perchè non devo mangiare anch'io ,questo è sbagliato ma se qualcuno che puo' fare non fa niente anzi magari prendera' la tangente perchè sia cosi' la cosa non migliorerà ma anzi .....ripeto, quello che qualcuno ha gia' commentato ,licenziamento immediato ,e pagamento di tutto quello che è stato rubato più gli interessi e una pena pecuniaria,e se non ha i soldi resta e lavora a gratis fino quando ha pagato tutti i debiti.Giustizia a tutti i costi!!!!!!!
2018-04-18 10:24:11
Per quello che servono le regioni ,fosse per me i dipendenti possono andare tutti i giorni al casino'