«Ci vediamo dopo la scuola»: e il pakistano dà la droga al minore

PER APPROFONDIRE: droga, grinder, marijuana, minorenne, tolmezzo
«Ci vediamo dopo la scuola»: e il pakistano dà la droga al minore

di Paola Treppo

TOLMEZZO e VENZONE (Udine) -  L'appuntamento era quello solito, allo squillo della campanella, subito dopo l'uscita dalla scuola, ditettamente alla stazione delle corriere di Tolmezzo.

Ma questo incontro frequente e fugace non è passato inosservato ai carabinieri della stazione di Venzone, comandata dal luogotenente Eric Sappada. Scattano i controlli da parte dei militari dell'Arma che trovano addosso a uno studente, sedicenne, un friulano, della zona, un grinder, il miscelatore che serve a sminuzzare la marijuana per confezionarsi uno spinello, con all'interno ancora un po' di droga.

Insieme a lui è stato identificato anche il pusher di fiducia, un pakistano di 28 anni, regolare sul territorio ma senza fissa dimora, che è stato denunciato all'autorità giudiziaria per la cessione della droga al minorenne. Quest'ultimo è stato invece segnalato alla Prefettura come assuntore. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 13 Ottobre 2017, 14:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Ci vediamo dopo la scuola»: e il pakistano dà la droga al minore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-10-14 06:54:17
Ho il sospetto che certi si iscrivano ad un corso di studi...solo per fare da agenti e rappresentanti di sostanze.Numerose assenze nei giorni scialbi, frequenza nel fine settimana.I compagni li avvicinano con manifestazioni di giubilo, si ammassano , stendono attorno una cortina che li protegge dagli sguardi.Ottime le zone che nei pressi delle scuole hanno giardini , folte siepi, case con anfratti, parcheggi.
2017-10-13 19:21:55
... talmente regolare da risultare prezioso. in galera chi lo ha regolarizzato, ma in pakistan..
2017-10-13 18:26:12
Questi giovani improbabili immigrati non fanno in tempo ad entrare in Italia e subitissimo gia' hanno contatti con grossisti di droga e diventano subito spacciatori. Presidenta Boldrina, non ha commenti da fare in proposito oppure anche gli spacciatori stranieri sono delle risorse?
2017-10-13 18:18:31
Il pusher di fiducia, un pakistano di 28 anni regolare in Italia ma senza fissa dimora. Un pakistano regolare in Italia? Regolare in Italia? Non ci credo nemmeno se me lo giurate in ginocchio.
2017-10-13 16:15:21
Che c'e' di strano ? Non pochi dei nostri onorevoli, non a caso fautori della liberalizzazione delle droghe "leggere" a suo tempo applicavano direttamente il noto detto "Fuma bene, fuma sano, fuma solo pakistano". Adesso abbiamo la fortuna di importare direttamente anche il coltivatore originale. Che vogliamo di piu' ?