Epidemia di cimurro: malate il 46% delle volpi, pericolo per cani e uomo

PER APPROFONDIRE: allarme, cani, cimurro, friuli, vaccinazioni, volpi
Epidemia di cimurro: malate il 46% delle volpi, pericolo per cani e uomo

di Paola Treppo

FRIULI VENEZIA GIULIA - Allarme cimurro in Friuli. A segnalare l'aumento dei casi dell'infezione, molto pericolosa per i cani e di conseguenza anche per l'uomo, è la sezione di Udine dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie.

La Regione Fvg ha quindi inviato una nota informativa ai medici veterinari di Gorizia, Udine, Trieste e Pordenone. Nei primi mesi del 2018 si è registrato un netto incremento di positività per cimurro nelle volpi, esattamente in 39 casi che corrispondono al 46% delle 85 volpi analizzate. La positività alla malattia è stata osservata anche nei sintomi clinici che accompagnano la patologia in questi animali selvatici: ridotto istinto di fuga e sintoni nervosi. 

Le aree più colpite
​Il territorio interessato al momento riguarda soprattutto la provincia di Udine, da Tarvisio e fino a Udine città, con un maggior numero di casi nel comune di Gemona del Friuli e nei paesi vicini a Gemona; alcuni casi sono stati registrati anche in provincia di Gorizia e in provincia di Trieste; è importante, quindi, adottare una corretta profilassi vaccinale, in particolare per i cani che frequentano spazi aperti. A segnalare il problema anche Federcaccia Fvg, tramite il presidente Paolo Viezzi. La malattia era già diffusa e segnalata nella vicina Slovenia. 

Un malattia molto pericolosa 
Il cimurro è una malattia infettiva contagiosa e spesso letale che colpisce i giovani cani, la volpe e il lupo, ma anche il furetto e alcuni felidi come il gatto selvatico (mai il gatto domestico), caratterizzata da turbe del sistema nervoso con convulsioni e paralisi, oltre a catarro nasale. Il virus provoca inoltre immunodepressione. Il paramixovirus è antigenicamente correlato con il virus del morbillo umano e con quello della peste bovina.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 9 Aprile 2018, 16:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Epidemia di cimurro: malate il 46% delle volpi, pericolo per cani e uomo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-04-11 08:10:29
IL CIMURRO NON (E RIPETO NON) E' TRASMISSIBILE ALL'UOMO.Infatti si chiama il virus del cimurro (CDV - Canine Distemper Virus). Dunque il titolo dell'articolo è allarmistico e senza senso.
2018-04-10 13:01:02
chiede un lattore "come fermare l'epidemia" penso che qualcuno abbia già l'idea: abbattimento delle volpi da parte dei caccatori e indennizzo per i poveri cani da caccia contagiati. Hanno geneticamente caratterizzato il virus per capire da dove arrivi?
2018-04-10 07:10:29
In teme di vaccinazione la vedo dura.Certi arrivano con cagnolini dalle vacanze estive all'ESt.Lasciano sempre il dubbio se poi in Italia abbiano fatto registrare all'anagrafe canina e vaccinare. La gestione degli animaletti e' molto andante ed approssimativa.Vengono assimilati a giocattolini affidati a bambini.
2018-04-09 23:53:42
"Il paramixovirus è antigenicamente correlato con il virus del morbillo umano e con quello della peste bovina." Fonte wikipedia.org Bah
2018-04-09 23:37:24
La frase all'inizio dell'articolo "e di conseguenza anche per l'uomo" che che finalità è stata scritta? in che modo può essere il cimurro pericoloso per l'uomo? Intendeva forse che l'uomo può contrarre il cimurro?! Spero che questa non fosse l'intenzione della giornalista Paola Treppo, perché il cimurro non contagioso per l'uomo. Saluti