Paura in condominio: bruciori in gola per esalazioni sospette, 20 evacuati

Paura in condominio: bruciori in gola
per esalazioni sospette, 20 evacuati

di E.B.

TRIESTE - Attimi di paura in uno stabile di via della Valle nella tarda serata di ieri, domenica 13 maggio. Una squadra ordinaria e la partenza del nucleare biologico chimico radiologico del comando provinciale dei vigili del fuoco sono intervenute per delle esalazioni nocive sospette. Giunti sul posto i vigili del fuoco hanno riscontrato che nel vano scale l’aria che veniva inalata provocava un leggero “bruciore” alla gola. I soccorritori, indossati gli autoprotettori, e utilizzando i cappucci d’evacuazione collegati alla bombola hanno fatto uscire tutte le persone presenti (una ventina circa) in quel momento nello stabile.

Dopo aver evacuato tutti gli appartamenti i vigili del fuoco hanno eseguito un controllo strumentale di tutti i locali dello stabile senza riscontrare nulla di anomalo. Una volta giunto sul posto anche il funzionario di guardia è stato fatto un secondo controllo strumentale che ha dato ancora esito negativo, non riscontrando nulla di anomalo negli ambienti e considerando che anche stazionando nel vano scale l’aria era perfettamente “respirabile” si facevano rientrare tutti gli inquilini nei rispettivi alloggi. Sul posto anche personale sanitario del 118 ma nessuna persona ha dovuto ricorrere alle loro cure.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 14 Maggio 2018, 08:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Paura in condominio: bruciori in gola per esalazioni sospette, 20 evacuati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-05-17 22:47:21
Sorpreso a rubare "in" bar e bruciori "in" gola,ma l'italiano non si usa piu,sorpreso a rubare "in un" bar o "al" bar e bruciori "alla" gola.
2018-05-14 22:40:52
...come vede @Agner (mi permetta di scherzare se mi legge) pare un «mal comune». Anche i condomini di Trieste presentano i loro problemi. La causa tuttavia non è però stata resa nota: cibi etnici oppure puntamento autoctono di ventilatori con rimasugli di baccalà?