Prostituzione: prime multe da 500
euro a clienti in Borgo Teresiano

Prostituzione: prime multe da 500 euro, il vicensindaco lo annuncia sui social

di E.B.

TRIESTE - Il nuovo regolamento di Polizia Urbana fa le prime... vittime! Sono state elevate 5 sanzioni da 500 euro ciascuna a clienti delle prostitute. Non tolleriamo il fenomeno della prostituzione su strada e colpiremo i clienti fino a quando le prostitute, in assenza di lavoro, spariranno dal centro cittadino».

A renderlo noto con un post su Facebook è il vicesindaco leghista Pierpaolo Roberti. Le multe sono state comminate dalla Polizia locale a 5 clienti in Borgo Teresiano tra le vie Roma, Filzi e Machiavelli: si tratta di una delle novità più discusse del nuovo Regolamento che prevede «il divieto in tutto il territorio comunale di fermata dei veicoli finalizzata a contrattare ovvero a concordare prestazioni sessuali effettuate da chi esercita l'attività di prostituzione su strada». Nelle prossime settimane è prevista una intensificazione dei controlli.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 16 Giugno 2017, 15:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Prostituzione: prime multe da 500
euro a clienti in Borgo Teresiano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-12-23 12:44:42
Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell'Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico. P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011). Inoltre, Che male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Basta con quest’assurda “Meretriciofobia”! Voglio sottolineare che gli avvalenti delle meretrici in Italia sono ben undici milioni dei quali nove milioni affezionati alle stradali, che sono le più economiche di tutte. Quindi, cari politici, in considerazione del fatto che nove milioni di votanti non sono pochi e che a fare la differenza sono proprio gli elettori indecisi, OCCHIO AI VOTI, ai tesseramenti ed anche al 2 PER MILLE IRPEF.
2017-06-19 18:42:00
speriamo portino presto le multe a 1.000 euro
2017-06-17 08:53:03
serve solo a sfruttare il fenomeno della prostituzione per fare cassa nei comuni. Ulteriore sfruttamento della prostituzione. Da sempre penso che i proventi delle multe non devono andare a chi fa le multe. così si prosciuga il laghetto...e spariranno i burocrati barracuda ed i politici dalle facili soluzioni
2017-06-16 18:39:59
Trattasi di interruzione di pubblico servizio.
2017-06-16 18:14:05
Ho sempre sostenuto che vadano pesantemente colpiti i clienti (i veri sfruttatori) e non le prostitute. Così si asciuga il mercato e si sconfigge il mercimonio.