Migranti, Gentiloni incontra Merkel e Macron per le nuove regole

PER APPROFONDIRE: europa, gentiloni, macron, merkel, migranti, sbarchi
Migranti, Gentiloni incontra Merkel  e Macron per le nuove regole

di Alberto Gentili

Dopo i timidi passi avanti compiuti ieri a Varsavia, con l'impegno di Frontex a rivedere le regole sugli sbarchi, e la successiva doccia fredda del direttore dell'agenzia europea Fabrice Leggeri ("non ci sono Stati disponibili ad aprire i loro porti"), oggi a Trieste il premier Paolo Gentiloni incontra la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron. Obiettivo: tentare di ammorbidire la posizione dei partner europei e  strappare un sì politico alla revisione della strategia sul fronte dell'accoglienza dei profughi.

Il nodo del contendere è ormai noto: Roma vuole ottenere la possibilità di far sbarcare nei porti europei, e non solo italiani, i migranti salvati in mare dalle navi dell'operazione Triton. Finora, nonostante tante belle parole di solidarietà, Spagna e Francia hanno chiuso la porta in faccia all'Italia. E anche la Germania non ha mostrato alcun entusiasmo nel rivedere un accordo firmato nel 2014 dal governo italiano in cambio della regìa delle operazione di salvataggio e, si dice, di un po' di flessibilità in più sui conti economici.

Ma vista la ripresa degli sbarchi e considerata l'insostenibilità ormai manifesta dell'Italia a tenere nel proprio territorio tutti i profughi salvati nel Mediterraneo, qualcosa negli ultimi giorni si è mosso. E Gentiloni, nel trilaterale di oggi, proverà a dare sostanza a questi accenni (timidi) di ammorbidimento dei partner europei. Nell'immediato, infatti, solo un'apertura dei porti di tutta la Ue può alleggerire la pressione sul nostro Paese. Gli altri interventi promessi al vertice di Tallinn, come i fondi a favore dello sviluppo degli Stati africani per fermare all'origine i flussi migratori richiedono tempi medio-lunghi. Ed è ancora molto difficile, vista l'instabilità politica a Tripoli, sperare che la Libia possa contribuire concretamente a fermare le partenze dall'Africa. Le parole di Leggeri, quell'annunciare l'indisponibilità di altri Paesi ad aprire i propri porti agli sbarchi, però non promette nulla di buono.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 12 Luglio 2017, 12:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migranti, Gentiloni incontra Merkel e Macron per le nuove regole
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-07-12 17:39:38
Gentiloni mettiti in testa che non potrai mai trattare alla pari con la Francia ne con la Germania l'italia è inferiore in tutti i sensi. Punto