In casa la centrale dello spaccio, due pistole e seimila euro: operaio arrestato

PER APPROFONDIRE: arresto, droga, pistole, polizia, spaccio, trieste
In casa la centrale dello spaccio, due pistole e seimila euro: operaio arrestato

di E.B.

TRIESTE - Cocaina, marijuana, ecstasy e due pistole (una a tamburo e un'altra semi automatica con matricola abrasa e relative munizioni): un operaio ucraino è stato arrestato dalla Polizia di Stato per spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, residente in città, è stato individuato nelle prime ore di questa mattina mentre, con particolare circospezione, usciva da un condominio della centralissima zona di Cavana. Poco dopo, l’operaio, che alla vista degli agenti ha tentato di cambiare strada, è stato fermato e sottoposto a controllo e trovato in possesso di una busta in cellophane contenente circa 10 grammi di cocaina ed una bustina da circa un grammo di ecstasy/MDMA. Gli immediati approfondimenti investigativi hanno consentito di individuare l’immobile dal quale l’uomo era poco prima uscito e di rinvenire, all’interno dell'appartamento, circa 135 grammi di cocaina, quattro buste in cellophane contenenti complessivamente circa 320 grammi lordi di marijuana, un bilancino di precisione, materiale da utilizzare per il confezionamento della droga, nonché una pistola a tamburo ed una pistola semi automatica – completa di caricatore e cartucce, con matricola abrasa. Inoltre, presso l’abitazione di residenza, in un'altra zona cittadina, è stata rinvenuta e sequestrata la somma contante di oltre 6mila euro.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Giugno 2018, 13:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In casa la centrale dello spaccio, due pistole e seimila euro: operaio arrestato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-06-12 09:33:35
ma che "operaio"se in realta' e' uno spacciatore con una "attivita' paravento" (che forse gli serviva per arrotondare i guadagni illeciti o anche dargli una parvenza di occupazione:indagassero pure il "datore")
2018-06-11 19:12:49
Colpa della bossi-fini
2018-06-11 15:35:29
Operaio ucraino... Continuo a sostenere come sia possibile che uno straniero arrivi qui da noi, non sa la lingua, non sa niente, probabilmente non conosce quasi nessuno. In poco tempo diventa uno spacciatore di prima grandezza. Quali sono i contatti, quali sono le connessioni, come fa un tipo in poco tempo a diventare uno spacciatore professionale e professionista? L'esimio Fabrizio Gatti, che si distingue per inchieste lacrimose sui migranti, perche' non si esercita a fare un'inchiesta che cerchi di far luce anche sulle malefatte dei migranti e di quali supporti delinquenziali essi godano. Suvvia Gatti, datti da fare.