Giocava i soldi della Regione alle slot: funzionario deve restituire 2 milioni di euro

PER APPROFONDIRE: condanna, cortedeiconti, fvg, simonutti, trieste
La sede della Corte dei Conti a Trieste

di E.B.

TRIESTE - La Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia ha condannato in via definitiva Claudio Simonutti a risarcire - in favore della Regione - la cifra di 2 milioni di euro. Dalle indagini era emerso che il funzionario delegato del Servizio gestione patrimonio immobiliare della Regione giocava parte dei soldi rubati ai videogiochi e alle slot machine. L'inchiesta era cominciata a novembre 2011, quando la Regione aveva segnalato alla Procura «gravi irregolarità e ammanchi riferibili all'attività svolta da Simonutti, nella qualità di funzionario delegato del Servizio gestione patrimonio immobiliare della Regione».

Dalle indagini era quindi emersa una serie di condotte «gravemente pregiudizievoli per la Regione» tra il 1996 e il 2012. Simonutti - si legge nella sentenza - «con false comunicazioni interne, apparentemente a firma di dirigenti e funzionari della Regione, e avvalendosi di modelli F23 contraffatti, avrebbe creato un sistema che gli consentiva di appropriarsi del denaro contante, pari a oltre 2 milioni di euro, di cui aveva la disponibilità in quando ordinatore secondario della spesa». Le somme erano stanziate nel capitolo di spesa 1452, destinate al pagamento di imposte, sovrimposte e tasse da parte dell'Amministrazione regionale, comprese quelle relative ai beni patrimoniali. Altre voci di danni sono poi correlate «alla duplicazione di pagamenti inerenti le spese condominiali di alcuni immobili di proprietà dell'ente», per quasi 74 mila euro, e «alla duplicazione di un pagamento di una fattura». 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 22 Gennaio 2018, 17:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Giocava i soldi della Regione alle slot: funzionario deve restituire 2 milioni di euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-01-23 15:11:50
Ma non sarebbe stato meglio che alle prime avvisaglie affiancare un controllore per evitare ulteriori ammanchi? AVETE ASPETTATO 5 ANNI PER FAR PARTIRE L'INCHIESTA ????
2018-01-23 14:55:05
Caspita i giudici hanno deciso nel 2018 per fatti avvenuti nel 2011? Evviva la nostra magistratura dotatata della velocita' del suono.
2018-01-23 13:40:59
Se il funzionario maneggiava contanti, aveva anche l'obbligo quantomeno annuale di rendicontare e qualcuno aveva l'obbligo di verificare. Se nessuno ha controllato sia punito pure lui.
2018-01-23 09:51:45
non ci voleva un genio per capire che, quando è stata "legalizzata" da ... questa mangieria, avrebbe portato alla rovina tante persone ma, invece, lo stato non ha voluto i "casinò" nelle regioni ma 300.000 slot di cui buona parte abusive e gestite dalla delinquenza organizzata. se poi consideriamo che qualcuno, di cui non faccio il nome ne il cognome, era "ammanicato" con soggetti del campo delle slot o giochi in internet e che adesso è stato rinviato a giudizio (voglio vedere come andrà a finire, probabilmente a tarallucci e vino) il tutto si commenta da se!. w li taglia!!!
2018-01-22 20:22:55
I soldi per i poveri non si trovano?