Famiglia turca costretta a pagare
20mila euro per arrivare in Italia

PER APPROFONDIRE: arresto, immigrazione, trieste, turchia
Famiglia turca costretta a pagare  20mila euro per arrivare in Italia

di E.B.

TRIESTE - Alla Polizia ha riferito di essere giunto in città assieme alla moglie e ai figli nonchè ad altri migranti a bordo di tre vetture avendo, in precedenza, corrisposto oltre 20mila euro a non meglio identificate altre persone facenti parte di una organizzazione criminale dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina che avrebbero curato il trasferimento del nucleo famigliare dalla Turchia, attraverso più Stati, fino all'Italia. L'uomo è stato individuato dagli agenti in via San Giorgio assieme ad un bambino dopo aver ricevuto la segnalazione di una presenza sospetta nelle vicinanze di un'autovettura parcheggiata. Aveva avuto una lite con altri individui che poi si erano allontanati facendo perdere le loro tracce. Una volta accompagnato in Questura, scosso e provato, il cittadino turco ha raccontato la sua storia: è giunto in Italia dopo un viaggio durato circa due mesi. Affinchè i malviventi ricevessero il denaro richiesto, aveva contattato il fratello che dalla Germania si era recato in Croazia per saldare la cifra richiesta per il trasporto illecito ma era stato trattenuto contro la sua volontà ricevendo richiesta di ulteriore denaro. Sarebbe poi stato picchiato e abbandonato lungo la strada.

La Polizia ha dunque preso contatti con le autorità di Polizia croate che hanno fatto sapere di aver rintracciato il malcapitato che presentava diverse ferite ed era stato ricoverato in ospedale. Il cittadino croato e la sua famiglia sono stati accolti in una comunità di Trieste in attesa di disbrigare le incombenze relative alla regolarizzazione della posizione sul territorio. Intanto la vettura, una Seat bianca noleggiata, è stata sequestrata dalla Polizia. Nella giornata di ieri - 11 aprile - nel luogo del sequestro, i poliziotti hanno rintracciato un giovane croato che cercava la vettura avendone le chiavi. L'uomo è stato portato in Questura: gli investigatori hanno appurato che si trattava dell'autista di una delle tre auto che il 10 aprile avevano condotto in città la famiglia turca dopo averla prelevata in Croazia. L.P. 24enne e residente a Fiume è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto poichè indagato in concorso con altri ignoti per il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Ora si trova al carcere del Coroneo. 

 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Aprile 2018, 14:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Famiglia turca costretta a pagare
20mila euro per arrivare in Italia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-04-13 08:47:32
adesso anche i "Turchi" sono in fuga dalla spietata dittatura di (M)Erdogan: ma non era quello "buono" che mandava gli aiuti ai pallestinIsis con la "freedom flottilla"? e ogni tanto bombarda i kurdi e invade la Syria.
2018-04-12 17:43:59
Mercanti di SCHIAVI....cosa c'e' di nuovo all'orizzonte italiano?