Migrante trovato cadavere nel cassone di un camion greco diretto a Trieste

PER APPROFONDIRE: camion, cassone, migrante, morto, venezia
Il Tir  fermato dalla polizia stradale a Venezia Est
VENEZIA/TREVISO - Tragedia della disperazione: un migrante è stato trovato morto nel cassone di un camion.  Questa mattina  la Polstrada ha fermato in A4, poco prima del casello di Venezia Est della A57, un Tir condotto da un camionista greco di 58 anni. L'uomo si è detto estraneo alla vicenda: «Non sapeva che ci fosse un uomo nascosto sul mio camion» avrebbe dichiarato agli agenti.

Dopo un controllo è stato trovato nella parte sottostante di un cassone (pare quello dove si mettono bagagli o attrezzi) il cadavere di un uomo. è stata chiamata per competenza la squadra mobile. accertamenti in corso. La vittima è un uomo fra i 30-35 anni senza documenti o altro. Si tratterebbe di un africano.

Il conducente del Tir è stato portato in questura a Treviso per capire da dove arrivasse: era comunque diretto oltrefrontiera, verso Trieste. Le indagini sono affidate alla Squadra mobile di Treviso

I particolari sul Gazzettino del 7 giugno
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 6 Giugno 2018, 14:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Migrante trovato cadavere nel cassone di un camion greco diretto a Trieste
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2018-06-07 20:45:19
Non era un "migrante"....era un CLANDESTINO. Punto.
2018-06-09 14:27:22
Era anche un essere umano...
2018-06-07 11:41:54
e da che cosa hanno desunto che si trattasse di un africano, dal colore della pelle?
2018-06-07 10:57:49
Se ha cercato di entrare in questo modo non credo che si possa definire "migrante", o sbaglio?
2018-06-07 07:52:00
Povero....desiderava una vita migliore, invece ha trovato la morte. Spero che il nuovo governo metta un freno a questo dramma quotidiano, e a chi scrive certi commenti a dir poco aberranti ricordo che non tutti i profughi ed immigrati sono delinquenti, in mezzo a loro c'è anche tanta brava gente che cerca di fuggire da una vita infernale. E noi che siamo nati qui dovremmo ricordarci ogni giorno quanto siamo fortunati, nonostante tutto.