​Bimbo conteso tra mamma e papà, il giudice: «Resta a Trieste»

​Bimbo conteso tra mamma e papà,  il giudice: «Deve restare a Trieste»
Il bimbo di sette anni, conteso tra padre triestino e mamma sudamericana, resta in Italia. Lo ha deciso il Tribunale dei minori di Trieste. Nel formulare la sentenza, depositata oggi, è stata valutata con attenzione anche la perizia redatta da una psicologa. Pur non essendo mai stato chiamato ad esprimere una preferenza diretta tra la mamma e il papà, il bimbo ha sempre indicato in Trieste il luogo del suo cuore.

La donna è stata condannata a otto mesi (pena sospesa) per sottrazione internazionale di minore. Tra i motivi della decisione, i giudici indicano il fatto che «esiste un rischio di grave pregiudizio per il bambino nel caso in cui venisse rimandato oltreoceano». Dalla perizia sarebbe emerso che il piccolo considera come sua «unica dimora» l'attuale abitazione, e nei suoi attuali amici e compagni di classe gli affetti più cari. La decisione naturalmente ora può essere appellabile in Cassazione.

«Accogliamo questa decisione, assunta dopo un approfondito esame, con grande soddisfazione - ha detto all'Ansa l'avvocato William Crivellari, che assiste il padre del bimbo - perché pone in primo piano il fondamentale interesse del bambino a rimanere nel Paese in cui è nato, di cui ha la cittadinanza, e dove è cresciuto negli ultimi quattro anni».

«I giudici hanno evidenziato la presenza di un legame consolidato tra padre e figlio - ha aggiunto il legale - e la sussistenza di un rischio concreto di definitiva perdita della fondamentale figura paterna qualora ci fosse stato il trasferimento nel Paese di origine della madre, anche alla luce di valutazioni preventive che sono state fatte dal Tribunale e di quanto accadde quando la madre scappò in Sudamerica, fingendo di partire per una vacanza e non facendo più rientro in Italia».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 5 Ottobre 2017, 13:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​Bimbo conteso tra mamma e papà, il giudice: «Resta a Trieste»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-10-05 22:54:59
In ogni caso, a soffrire maggiormente sono sempre i figli.
2017-10-05 20:00:25
Al bambino e'andata bene: se come giudice ci fosse stato Salomone......
2017-10-05 14:44:31
un messaggio alla psicologa: è normale che un bimbo piccolo veda solo nell'appartamento dove vive la sua unica casa, che discorso stupido. magari vivrebbe meglio con genitori più sani di mente, anche se non lo capisce sarebbe meglio per lui. se fossimo in america il caso sarebbe stato gestito diversamente
2017-10-05 14:04:00
Mogli e buoi...
2017-10-05 14:43:23
dei paesi tuoi...