Veneto Banca, chiusi i primi 9 mesi
con 770 milioni di euro di perdita

Veneto Banca, chiusi  i primi 9 mesi  con 770 milioni  di euro di perdita
MONTEBELLUNA - Veneto Banca ha chiuso i primi nove mesi del 2015 con una perdita di 770 milioni di euro. Sui conti, oggetto di una profonda pulizia di bilancio, pesano 530 milioni di euro di rettifiche su crediti (+133%) e l'azzeramento degli avviamenti, con un impatto di 452 milioni sul conto economico. Lo si legge in una nota.



Veneto Banca, prosegue la nota, ha approvato il percorso che la porterà a diventare una spa entro fine anno. Entro la fine di novembre verrà pubblicata la relazione sulla trasformazione in società per azioni, nei primi giorni di dicembre verrà comunicato il prezzo del recesso mentre nella seconda metà di dicembre si terrà l'assemblea chiamata a deliberare sulla spa. La quotazione e l'aumento di capitale da 1 miliardo si terranno entro aprile del prossimo anno.



Veneto Banca ha deciso di scorporare dai suoi coefficienti patrimoniali 286 milioni di euro con cui ha finanziato la sottoscrizione delle proprie azioni da parte dei clienti o legati alla stipula di «opzioni contrattuali di riacquisto azioni». Lo scorporo dei finanziamenti a soci per acquistare azioni, che già hanno inguaiato la Popolare di Vicenza, hanno pesato sugli indici patrimoniali, con il Cet1 - principale indicatore della solidità patrimoniale - che scende al 30 settembre al 7,12% dall'8,37% segnato lo scorso 30 giugno e il total capital ratio che scende dal 9,43% all'8,13%.



«Questi coefficienti - spiega infatti la banca - risultano peraltro al netto dello scomputo a titolo prudenziale di complessivi 286 milioni di Euro, riconducibile a possibili operazioni di assistenza finanziaria correlate all'acquisto o alla sottoscrizione di azioni della Banca o derivanti da opzioni contrattuali di riacquisto azioni sottoscritte generalmente in occasione di operazioni di aggregazione societarie condotte nel passato». Veneto Banca ritiene di poter soddisfare i requisiti patrimoniali imposti dalla Bce (cet1 al 10% e total capital ratio all'11%) sulla base del piano di rafforzamento patrimoniale che prevede, tra l'altro, un aumento di capitale da 1 miliardo di euro. Il Cet1 è atteso all'11,5% a fine 2016, «livello che garantisce un adeguato buffer rispetto ai requisiti prudenziali indicati in via provvisoria dalla Bce nell'ambito dello Srep».

Sabato 21 Novembre 2015, 11:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Veneto Banca, chiusi i primi 9 mesi
con 770 milioni di euro di perdita
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2015-11-16 08:04:51
le banche sono quelle aziende che se ci sono utili si dividono fra i soci "privatamente", se ci sono perdite allora deve essere il socio occulto pubblico a ripagare i buchi!!! però gli enormi benefit ai manager non vengono mai toccati: se tu, grande manager, fai un buco da 700 milioni io ti prendo 700 milioni dal tuo patrimonio... con questa semplice regola si vedrà che i grandi buchi sparirebbero!!!
2015-11-14 13:40:14
E dai... tiratela fuori tutta questa perdita, non date solo degli assaggini!
2015-11-13 21:02:32
Bravo Paolo... molti di quelli che i soldi non li hanno restituiti per anni si sono vantati di fare gli imprenditori rischiando i soldi delle banche mentre i loro se li spendevano in ville appartamenti al mare e ai monti e in auto... spesso intestati a prestanome o fondi patrimoniali per non essere oggetto di pignoramento se non pagavano i debiti...
2015-11-13 20:29:36
riceordo che dieci anni fa per aprire un conto corrente con un po' di fido alcune banche ti chiedevano in cambio di acquistare ogni anno un pacchetto di azioni,altre legavano il tuo debito a qualche prodotto strano e rischioso di borsa con la speranza si giadagnarci due volte dai tuoi interessi e dal prodotto, altre se non eri socio non ti davano niente....................oppure dovevi prestare una marea di garanzie. Ma insomma piagiamo ancora per queste povere banche.....sono state loro a rilasciare i mutui del 100% valore imoobile, i geometri li mandavano fuori loro a fare la perizia.................. Intanto se tutto va bene al salto in bora l' azione viene ridotta di valore di un 70% dal valore attuale. Ultimo consiglio di un direttore di banca...........in questi casi la soluzione e comprarne delle altre al prezzo di oggi piu' conveniente,,,,,,,,,,,si' ma con quali soldi. no comment pertanto.
2015-11-13 19:48:51
A me hanno fregato 2000 euro di aumento capitale e le obbligazioni (che in fondo rendevano bene) convertite obbligatoriamente in quote societarie! Per fortuna molte azioni le ho comprate ai tempi del giurassico e la perdita è risibile! Che non mi vengano a domandare altri soldi come aumento del capitale che, come dicono al paese di mia moglie, "il santo è di marmo e non suda!" E poi che razza di banche sono BPV e VB se prestano i soldi per rimetterci? A me hanno insgnato che una banca presta i soldi con oculatezza "a chi sa dare non buone ma ottime garanzie"!